Squalificati 23a giornata Serie A 2016-17, Icardi e Perisic due turni

Atalanta-Inter 2-1: Risultato Finale
Vota questa notizia

Visto quanto è accaduto nel finale di Juventus-Inter, è arrivata la decisione del Giudice Sportivo, i nerazzurri Icardi e Perisic sono stati squalificati per 2 turni, vediamo i motivi di tale sentenza e gli altri giocatori di Serie A fermati per squalifica.

Il finale della partita tra Juventus ed Inter è stato a dir poco nervoso. A termine di un’azione su calcio d’angolo per i nerazzurri, l’arbitro Rizzoli ha fischiato fallo in attacco, Perisic a quel punto ha detto qualche parola di troppo al direttore di gara, il quale ha espulso direttamente il croato. L’altro fatto è invece accaduto al termine della partita stessa, quando Icardi ha scagliato la palla sul fischio finale, episodio visto dal giudice di linea Orsato, lo stesso ha poi messo a referto quanto accaduto.

Poco fa è arrivata la decisione del Giudice Sportivo, per entrambi i giocatori allenati da Pioli, due turni di squalifica, i motivi di tale decisione sono riconducibili per Perisic, per avere, al 49′ del secondo tempo, ripetutamente proferito espressioni gravemente irriguardose nei confronti del direttore di gara mentre nei confronti di Icardi la sanzione è motivata per avere, al termine della gara, rivolto ad un arbitro addizionale un’espressione ingiuriosa accompagnata da gesti e per avere calciato il pallone in direzione di Rizzoli senza tuttavia colpirlo.

Oltre ai due giocatori dell’Inter, durante la 23a giornata di Serie A, turno ancora da completare, domani sera si disputerà Roma-Fiorentina, sono stati fermati  per un turno Hysaj e Callejon del Napoli, Masina del Bologna, Cesar del Chievo, Crisetig del Crotone, Baselli e Valdifiori del Torino, Sosa del Milan, Ceppitelli del Cagliari, Bellusci dell’Empoli ed infine il genoano Izzo. Perisic ed Icardi sono stati dunque squalificati per due giornate, salteranno i prossimi incontri di Serie A con Empoli e Bologna.

Condividi
Nato a Ragusa il 17 settembre 1987, cresciuto a Pozzallo, laureato in Economia Aziendale, grande appassionato di sport e di imprese sportive. Da sempre tifoso dell'Inter, una passione mai retrocessa come la storia della squadra nerazzurra.