Supplenze Brevi 2016/2017: come verranno sostituiti i docenti di cattedra?

Comincia la Scuola, le 5 Frasi tipo degli Insegnanti

Nuovi cambiamenti nell’ambiente scolastico. Andiamo a leggere in questo articolo come verranno sostituiti con supplenti i docenti di cattedra nell’anno scolastico 2016/17. Come riportano le Leggi in materia di insegnamento, le sostituzioni delle supplenze brevi avverranno nel seguente modo. La legge n. 662 del 23/12/1996 al comma 78 afferma che i capi di istituto sono autorizzati a ricorrere alle supplenze brevi e saltuarie solo per i tempi strettamente necessari ad assicurare il servizio scolastico e dopo aver provveduto, eventualmente utilizzando spazi di flessibilità dell’organizzazione dell’orario didattico, alla sostituzione del personale assente con docenti già in servizio nella medesima istituzione scolastica. Il dirigente scolastico non può chiamare il supplente dal primo giorno di assenza del titolare ma dal secondo in poi.

Tale divieto, lo scorso anno scolastico, ha suscitato numerose polemiche tanto che il Miur ha emanato un’apposita nota (la n. 2116 del 30 settembre 2015 ) con la quale ha richiamato quanto già previsto dal succitato comma 333, ossia che deve essere comunque garantita l’offerta formativa, ed ha ricordato che sarà possibile provvedere alla sostituzione del personale assente anche mediante l’utilizzo dell’organico di potenziamento.

Ricordiamo inoltre ai nostri lettori che il dirigente scolastico può effettuare le sostituzioni dei docenti assenti per la copertura di supplenze temporanee fino a dieci giorni con personale dell’organico dell’autonomia che, ove impiegato in gradi di istruzione inferiore, conserva il trattamento stipendiale del grado di istruzione di appartenenza. La sostituzione tramite un docente dell’organico dell’autonomia di un collega temporaneamente assente ha un limite temporale: 10 giorni; dall’undicesimo si deve per forza chiamare il supplente.

LEGGI ANCHE: 

Supplenze docenti 2016/17: Arriva la circolare del Miur