Attualità

Udienza Papa Francesco oggi 25 ottobre 2017

È terminata pochi minuti fa, l’udienza generale del mercoledì, presieduta da Sua Santità Papa Francesco, alla presenza di una moltitudine d pellegrini convenuti in Piazza San Pietro da tutte le parti del mondo. Al centro della catechesi di oggi, il Santo Padre si è soffermato sul tema: “Il Paradiso, meta della nostra speranza”. Il tema è nuovamente la Speranza, proprio per ricalcare il fatto che quest’ultima è stata al centro delle catechesi proferite durante questo anno liturgico.

La Speranza

Paradiso e Speranza, l’una si concatena con l’altra: perché ? La parabola presa in esame dal Santo Padre, è stata quella del “buon ladrone”, riportata dall’evangelista Luca nel suo Vangelo al capitolo (Lc 23); ma cosa è successo ? Il brano evangelico lo conosciamo tutti, ci fa ricordare il momento in cui essendo sulla croce, uno dei ladroni che era accanto a Gesù, chiese il perdono a quest’ultimo e ciò, afferma Papa Francesco: “ci ricorda la nostra vera condizione davanti a Dio: che noi siamo suoi figli, che Lui prova compassione per noi, che Lui è disarmato ogni volta che gli manifestiamo la nostalgia del suo amore”. Questo dunque è un miracolo vero e proprio, infatti ha poi continuato il Pontefice, spiegando che: “Nelle camere di tanti ospedali o nelle celle delle prigioni questo miracolo si ripete innumerevoli volte: non c’è persona, per quanto abbia vissuto male, a cui resti solo la disperazione e sia proibita la grazia”.

Il Paradiso: meta raggiungibile

Uno dei misteri che alberga nel cuore dell’uomo, è sicuramente la morte, poiché ne siamo tutti affascinati e spesso impauriti del cosa ci possa essere dopo il trapasso. Il credente, ha sicuramente volto il pensiero al Paradiso, ma esso cosa è ? È veramente come lo immaginiamo noi ? Papa Francesco, da subito la risposta, ovvero: “Il paradiso non è un luogo da favola, e nemmeno un giardino incantato. Il paradiso è l’abbraccio con Dio, Amore infinito, e ci entriamo grazie a Gesù, che è morto in croce per noi”.

Esso dunque non è altro che il ricevere l’abbraccio di Dio, la vittoria sulle tenebre, poiché queste ultime sono schiacciate dalla misericordia del Padre. L’uomo dunque non è mai da solo, neanche nell’ora della morte perché ha dichiarato Papa Francesco: “Nell’ora della morte, il cristiano ripete a Gesù: “Ricordati di me”. E se anche non ci fosse più nessuno che si ricorda di noi, Gesù è lì, accanto a noi. Vuole portarci nel posto più bello che esiste. Ci vuole portare là con quel poco o tanto di bene che c’è stato nella nostra vita, perché nulla vada perduto di ciò che Lui aveva già redento”. La meta dell’esistenza umana ? Che tutto si compia e si trasformi in amore!

Preghiera del Rosario

Pregare il Rosario

Al termine dell’udienza, il Santo Padre ha poi salutato i pellegrini presenti, giunti da tutte le parti del mondo. Come di consueto però i saluti particolari sono andati ai giovani, ai malati e agli sposi novelli.

Ai giovani però, il Pontefice ha raccomandato di pregare il Rosario in questo mese di ottobre poiché: “Questa preghiera mariana sai per voi, cari giovani, occasione per penetrare più a fondo il mistero di Cristo operante nella vostra vita”. I giovani, questi ultimi stanno a cuore al Santo Padre, va ricordato infatti che nel 2018 si svolgerà un sinodo proprio per aiutarli nel cammino esistenziale verso la maturità.

Tag

Giovanni Azzara

Studente in Teologia, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale. Il mio sogno ? Diventare vaticanista! Twitter: @Azzarag91
Back to top button
Close
Close