Usa-Argentina 105-78, Risultato Finale (Basket Rio 2016)

Usa-Argentina 105-78, Risultato Finale (Basket Rio 2016)

Gli USA sconfiggono nettamente l’Argentina per 105 a 78. La partita è stata quasi totalmente senza storia, ma i tifosi argentini hanno apprezzato l’impegno dei propri begniamini e l’albiceleste ha chiuso tra gli applausi.

Dopo aver vinto con sofferenza le ultime tre partite del girone (Australia, Serbia e Francia), il dream team USA torna ad essere un rullo compressore e sconfigge nettamente per 105 a a 78 una volenterosa argentina.

L’Argentina ha dato in campo tutto quello che poteva, ma escludendo un ottimo avvio con il quale si è portata sul +10 (9 a 19), non ha potuto far nulla contro l’enorme stra-potere fisico degli americani, aiutati anche da uno straordinario Kevin Durant (autore di 27 punti) ed ha pertanto perso. Gli argentini sono cestisti dalla grande classe, ma (probabilmente anche in virtù della anagrafe di alcuni suoi elementi) da un punto di vista dell’esplosività, sono nettamente inferiori agli americani, quindi la vittoria americana era ed è stata abbastanza scontata. Alla fine il risultato è stato di 105 78 a favore degli Usa.

Ora gli Usa in semifinale d’ovranno affrontare la stessa nazionale che hanno sconfitto nelle finali delle ultime due olimpiadi (Pechino 2008 e Londra 2012): la Spagna.

Questa è stata l’ultima partita con la canotta della nazionale, per tre monumenti dell’Albiceleste, ci riferiamo al 39enne Emanuel Ginobili ed ai 36enni Luis Scola Andrés Nocioni (tutti e tre hanno vinto l’Olimpiade ad Atene nel 2004 ed hanno fatto parte della così detta generation dorada), i quali sono usciti dal parquet, accompagnati da una standing ovation e dai cori d’affetto da parte dei propri sostenitori.

Leggi anche:
Usa-Serbia 94-91: Risultato Finale (Basket Rio 2016)

 

 

 

Sognatore per antonomasia, ritiene che la verità vada ricercata e non creduta per sentito dire. Appassionato di testi antichi i quali ritiene vadano letti per ciò che raccontano, senza volerne alterare il significato, con figure retoriche inesistenti, per veicolare una verità che non esiste. Poeta spesso malinconico. Ama definirsi "Destista"