Usa contro l’ISIS in Libia: Iniziati i bombardamenti americani

VIDEO - Caccia Russo Abbattuto dalla Turchia in Siria

Sono iniziati oggi i primi raid aerei statunitensi sulla città di Sirte, roccaforte dell’Isis in Libia. L’azione militare, partita oggi su richiesta del governo di Tripoli per destabilizzare lo stato del Daesh, che controlla Sirte dal giugno 2015 attraverso un cospicuo numero di milizie jihadiste, è la prima operazione Usa in Libia dal 2011, cioè dalla rivolta che ha portato alla caduta il governo del colonnello Muammar Gheddafi.

I raid aerei, definiti di “precisione”, nel loro primo giorno hanno già causato pesanti perdite allo stato islamico e, come sottolineato dal portavoce del Pentagono Peter Cook, al momento non avranno termine. A Sirte si contano oltre 1.000 combattenti dell’Isis e la buona riuscita dell’operazione sarebbe di massima importanza strategica, rappresentando un altro duro colpo per l’Isis, dopo le battute d’arresto in Siria e Iraq.

L’intervento militare fa parte di un accordo d’intesa tra le forze alleate, il governo d’unità libico del premier Fayez al Serraj e le milizie della Libia occidentale che ha come obiettivo di stanare e combattere i miliziani dello stato islamico.