Voti Pescara-Lazio 2-6, Fantacalcio Gazzetta dello Sport

Voti Pescara-Lazio 2-6, Fantacalcio Gazzetta dello Sport
(gettyimages)

Fantacalcio Serie A: giostra di gol in Pescara-Lazio con i capitolini che stendono gli abruzzesi per 2-6. Il Man of the match è Parolo, autore di un poker. Le reti di Keita ed Immobile completano lo score degli ospiti mentre a nulla servono i gol di Benali e Brugman, che avevano fatto sperare i tifosi di casa nel primo tempo. Un pomeriggio negativo anche per Caprari che fallisce il rigore: per il Pescara sono ben cinque su sette i penalty sbagliati in questa stagione. Di seguito, il resoconto della partita ed i voti della Gazzetta dello Sport.

Dopo la vittoria in Coppa Italia contro l’Inter, la Lazio aveva bisogno di un successo anche in campionato per riprendere la marcia dopo due sconfitte consecutive e così è stato.
La resistenza abruzzese dura dieci minuti, quando Parolo sblocca la gara con un colpo di testa su cross di Anderson. È solo il preludio di una partita che il centrocampista della nazionale italiana ricorderà per molto tempo.
Ed infatti, solo quattro minuti dopo, è lo stesso Parolo a raddoppiare: calcio d’angolo di Biglia, altro colpo di testa del numero 16 biancoceleste con Bizzarri che può solo raccogliere il pallone in fondo alla rete.

La Lazio ha le occasioni per trovare anche il terzo gol e chiudere subito le pratiche ma, dopo poco meno di mezz’ora, la squadra di Inzaghi va in blackout e ne approfitta il Pescara.
Prima Verre si vede annullare un gol per fuorigioco e poi, al 29′, Benali riesce ad accorciare le distanze: tiro di Kastanos, Marchetti respinge ma non benissimo e sulla sfera si avventa il centrocampista libico, che di tap-in sigla l’1-2.

I padroni di casa ci credono e, al 36′ arriva l’occasione per il pareggio. Zampano penetra in area ma viene atterrato e per l’arbitro non ci sono dubbi, calcio di rigore. Caprari si incarica di tirare ma calcia malissimo e Marchetti riesce a neutralizzare il penalty. La conferma di un trend clamorosamente negativo per il Pescara che, in stagione, ha sbagliato ben cinque rigori su sette assegnati e guadagna un record europeo assolutamente poco invidiabile.
Nonostante ciò, la squadra di Oddo crea e la rete del 2-2 è solo rimandata: al 41′, sugli sviluppi di un corner, ci pensa Brugman a rimettere in carreggiata i suoi con un sinistro al volo (per l’uruguaiano si tratta del primo gol in Serie A).

L’equilibrio visto sul finire del primo tempo, però, è solo illusorio. Nella ripresa la Lazio torna a dominare e al 49′ si riporta in vantaggio: cross in area di Felipe Anderson, Milinkovic-Savic controlla e tira, il pallone colpisce la traversa e finisce per la terza volta sulla testa di Parolo, che, sulla linea di porta, deve solo accompagnare in rete. Prima tripletta in carriera per il 32enne originario di Gallarate, ma non è finita qui. Al 57′ entra nel tabellino dei marcatori anche Keita, appena tornato dalla Coppa d’Africa: Immobile in area serve l’attaccante senegalese che conclude facilmente a porta libera e trova il sesto gol in campionato.
Il Pescara accusa il colpo psicologicamente, non riesce più a rendersi pericolosa e al 69′ la goleada aumenta ancora. Altro calcio d’angolo di Biglia, De Vrij spizza di testa e Immobile trova il 2-5 con il sinistro.

Come se non bastasse, con gli abruzzesi ormai mentalmente sotto la doccia, la Lazio dilaga. Minuto 77, cross di Lulic (subentrato a Keita) per l’inserimento di uno strepitoso Marco Parolo che sigla il quarto gol personale, stavolta non di testa ma con il destro. Un pomeriggio che non dimenticherà facilmente e che lo proietta a cinque gol stagionali (lo scorso campionato ne segnò tre).
Lazio che ora sale a 43 punti e si porta dietro a Juventus, Roma, Napoli e Inter. Altro weekend completamente da dimenticare per il Pescara, ultimo con 9 punti e sempre più vicino alla retrocessione.

I VOTI DELLA GAZZETTA DELLO SPORT DI PESCARA-LAZIO

PESCARA (4-3-2-1) – Bizzarri 5; Zampano 6, Gyomber 4,5, Stendardo 4,5, Biraghi 5 (dal 74′ Crescenzi 5,5); Muntari 4 (dal 58′ Mitrita 5,5), Benali 6, Brugman 5 (dal 69′ Cerri 5,5); Verre 4,5, Caprari 4,5; Kastanos 5.

LAZIO (4-3-3) – Marchetti 6,5; Basta 6, de Vrij 5,5, Hoedt 5,5, Lukaku 6; Parolo 8, Biglia 6,5 (dal 78′ Murgia s.v.), Milinkovic 6; Felipe Anderson 6,5, Immobile 7 (dall’86’ Tounkara s.v.), Keita 6,5 (dal 65′ Lulic 6).

GOL: Benali, Brugman; Parolo (4), Keita, Immobile.
ASSIST: Benali; Felipe Anderson, Biglia, Immobile, De Vrij, Lulic.
AMMONITI: Biglia.
RIGORE SBAGLIATO: Caprari.