Franca Sozzani Award: Colin Firth premia un’emozionata Julianne Moore

La consegna del premio è avvenuta il 1°settembre, nella splendida cornice della Mostra del Cinema di Venezia.

Anche il 2017 ha regalato agli appassionati cinefili l’imperdibile Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, giunta alla sua 74esima edizione, che si è svolta come sempre al Lido di Venezia dal 30 agosto al 9 settembre. La manifestazione è stata cornice della consegna di un premio speciale: stiamo parlando della prima edizione del Franca Sozzani Award, la cui cerimonia si è svolta nella serata del 1° settembre.

Questo riconoscimento è stato istituito per celebrare la memoria di Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia, scomparsa prematuramente a 66 anni lo scorso dicembre.

Franca Sozzani Award

Oltre ad essere una delle donne più influenti per quanto riguarda il mondo della moda, la Sozzani era una persona molto impegnata nel sociale e nella difesa dei diritti civili. Per tali motivazioni era stata premiata poco prima della sua scomparsa, nel novembre 2016 durante i British Awards, ricevendo lo Swarovski Award for Positive Change, riservato a chi è riuscito a promuovere il benessere delle altre persone cercando di cambiarne le condizioni di vita, migliorandole.

Una giuria di esperti – comporta da Francesco Carrozzini, Carla Sozzani, Sara Sozzani Maino, Carlo Capasa (Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana), Diego Della Valle (Presidente e Amministratore Delegato di Tod’s), Giampaolo Grandi (Presidente di Condé Nast Italia), Pierpaolo Piccioli (Direttore Creativo di Valentino), Remo Ruffini (Presidente e Amministratore Delegato di Moncler), Marco e Afef Tronchetti Provera, Pietro Valsecchi (Amministratore Delegato Taodue Film Mediaset Group), Donatella Versace (Direttore Artistico e Vice Presidente di Versace) – ha deciso di insignire del primo Franca Sozzani Award l’attrice Julianne Moore, che come la Sozzani “ha unito l’eccellenza nel campo artistico a un forte impegno civile e sociale, con la stessa forza, impegno e determinazione”. A consegnare il premio all’attrice, il collega Colin Firth, con cui ha recitato in A Single Man e nel più recente Kingsman – Il cerchio d’oro, nelle sale italiane dal 20 settembre.

Il meteo sfortunatamente non è stato clemente nella giornata del 1° settembre, ma questo non ha intimorito i molti fan dei due attesissimi attori, che si sono appostati davanti alla Sala Giardino in attesa dell’arrivo dei loro beniamini. Tra gli ospiti dell’evento tanti personaggi del mondo dello spettacolo, come Vittoria Puccini, Pierre Casiraghi e Beatrice Borromeo, Isabeli Fontana, Beppe Fiorello, Victoria Cabello, Karolina Kurkova, Lapo Elkann, Nicoletta Romanoff, Emma Marrone, Alessandra Mastronardi.

All’arrivo degli attesissimi Firth e Moore, una pioggia scrosciante ha reso il loro red carpet più veloce del previsto, ma non hanno risparmiato qualche veloce autografo.

La cerimonia di premiazione ha avuto inizio con la proiezione di una parte del docufilm dedicato alla compianta Sozzani – presentato tra l’altro alla scorsa edizione della Mostra del Cinema di Venezia – dal titolo Franca: Chaos and Creation, che è stato proiettato in alcune sale cinematografiche del Paese come evento speciale dal 25 al 27 settembre (sul sito www.francathemovie.com/ nel dettaglio): tre giornate evento per questo film diretto dal figlio di Franca Sozzani, Francesco Carrozzini, che consiste in una lunga intervista dell’iconica direttrice di Vogue nelle pause di lavoro.

Al termine di questa breve anteprima, è stato proprio Francesco Carrozzini il primo a prendere la parola. Ha definito questo suo docufilm come «una testimonianza di una Donna che prima di tutto era mia madre, e della sua passione verso ciò che più amava fare» e si è detto soddisfatto e molto emozionato che il suo debutto alla regia sia proprio con questo lavoro.

Il suo discorso ha fatto da introduzione all’arrivo di Colin Firth in un elegante e classico smoking nero, che ha preso subito la parola presentando la vincitrice del premio. Firth si è dimostrato simpatico e pronto alla battuta, cosa che ha divertito molto i presenti in alcune parti del suo discorso, come ad esempio la descrizione della Moore e dei personaggi da lei interpretati in A Single Man e nel nuovo Kingsman – Il cerchio d’oro.

Colin Firth consegna il premio alla collega Julianne Moore.

Ha descritto poi Julianne Moore come un’attrice versatile e sempre pronta a mettersi in gioco, lodandone le ottime qualità di recitazione, ma anche a livello umano, cosa che è stata motivo centrale dell’assegnazione del riconoscimento in merito. Firth ha spiegato come la Moore sia una personalità perfetta per ricevere questo premio, in quanto donna di sani principi morali e civili, onesta e sempre pronta ad aiutare il prossimo, e per questo in grado di rendere giustizia a Franca Sozzani, che lui stesso ha avuto modo di conoscere (anche grazie al legame che sua moglie Livia aveva con lei).

Colin Firth ha quindi chiamato accanto a sé la collega Julianne Moore, con un lungo vestito rosso fuoco, e consegnato ufficialmente il Franca Sozzani Award, disegnato dall’artista statunitense Jeff Koons. Un lungo applauso di tutti i presenti ha accompagnato la consegna del premio, per lasciare poi la parola all’attrice. La Moore dopo i ringraziamenti di rito, ha ricordato con affetto Franca Sozzani, citando uno degli ultimi momenti in cui ha avuto l’occasione di trascorrere del tempo insieme a lei: ha raccontato di quel casuale incontro in aeroporto, e di come anche nei momenti più semplici, riuscisse a lasciarti qualcosa dentro e a cambiarti la giornata.

La cerimonia si è conclusa nuovamente con un lungo applauso, che sicuramente sarà arrivato anche alla vera protagonista di quella giornata.

Il ricordo di Franca Sozzani resterà sempre vivo, e la prima edizione di questo evento a lei dedicato ne è stata la piena dimostrazione.