Adriana Musella Indagata: Servizio Le Iene Gaetano Pecoraro (12 aprile)

Adriana Fusella, indagata per appropriazione indebita, ha incontrato Gaetano Pecoraro nella puntata del 12 aprile de Le Iene.

Da alcune settimane tiene banco il caso Adriana Musella, intervistata da Gaetano Pecoraro per la puntata de Le Iene del 12 aprile. La donna, direttrice dell’associazione antimafia “Riferimenti”, è indagata dalla Procura di Reggio Calabria per appropriazione indebita, ma si dice tranquilla e sicura delle proprie ragioni.

La vicenda di Adriana Musella

Adriana Musella si è improvvisamente ritrovata al centro di un’inchiesta che la vede coinvolta per l’ utilizzo improprio dei fondi a disposizione della sua associazione, “Riferimenti. L’indagine, nata dopo la pubblicazione della stessa Musella di alcuni documenti riguardante l’associazione, la vede indagata per il reato di appropriazione indebita. La donna, interrogata nelle scorse settimane dai PM, si dice tranquilla e pronta a far valere le proprie ragioni in ogni sede competente. “[…] E’ in atto un’indagine a mio carico – ha riportato su Facebook – Non mi sorprende, avendo sollecitato io stessa l’accertamento della verità”. Gaetano Pecoraro ha analizzato i bilanci dell’associazione insieme ad una giornalista di Reggio Calabria, scoprendo alcune spese alquanto strane (magliette, fiori, hotel, viaggi e multe).

Dove rivedere l’intervista?

Il servizio su Adriana Fusella indagata, realizzato da Gaetano Pecoraro, è disponible per la visione sul sito ufficiale de Le Iene, insieme a tutti gli altri contenuti della puntata. Il servizio verrà caricato anche sulla pagina Video Mediaset dedicata al programma di Italia 1.

Nata l'11 dicembre 1990 a Catania e laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi della città etnea. Ho iniziato a scrivere un po' per gioco nel 2012. La mia materia prima è il calcio, occhio però... più che i tacchetti preferisco indossare il tacco 12! Adoro la musica e mi diletto ad armeggiare tra i fornelli. Il mio piatto forte? Chiedetelo ai "miei" assaggiatori...