Chi è Vasco Errani? Biografia del possibile nuovo commissario straordinario

Vasco Errani Commissario Straordinario, Ricostruzione post Terremoto?

Chi è Vasco Errani, il possibile nuovo commissario straordinario per la ricostruzione post terremoto? Ecco una breve biografia

A pochi giorni dal tremendo terremoto che ha devastato alcuni Paesi del centro Italia, Matteo Renzi ha deciso di affidare all’ex governatore dell’Emilia Romagna Vasco Errani il ruolo di Commissario Straordinario post terremoto. Ma chi è questo politico italiano? Cerchiamo brevemente di conoscerlo meglio con una veloce biografia.

Biografia di Vasco Errani, probabile nuovo commissario straordinario per la ricostruzione post terremoto

Vasco Errani è nato a Massa Lombarda il 17 maggio 1955. Ha frequentato le scuole a Lugo e dopo la maturità scientifica decise di iscriversi alla Facoltà di Lettere e Filosofia. Negli anni settanta entrò a far parte del PCI e successivamente divenne consigliere comunale di Ravenna dal 1983 al 1995. E’ stato inoltre Assessore alle Attività Economiche del Comune di Ravenna dal 23 ottobre 1992 al 20 giugno 1993. Nel 1995 è stato eletto in Consiglio regionale e assunse  l’incarico di Sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia-Romagna nella Giunta Bersani II, ruolo che mantenne fino al giugno del 1996. L’anno successivo fu nominato Assessore regionale al Turismo nella Giunta La Forgia, e nel 1999 venne eletto dal Consiglio regionale Presidente della Giunta dell’Emilia-Romagna.

Vasco Errani per tre volte Presidente della Regione Emilia-Romagna

La svolta politica di Errani ci fu nel 2000 quando fu eletto Presidente della Regione Emilia-Romagna come candidato di un’ampia coalizione di Centrosinistra vincendo con il 54,1% contro il 42,7% di Gabriele Canè. L’importante ruolo gli fu confermato anche nelle successive elezioni regionali dell’ aprile 2005, dove ottenne il 62,7% dei voti contro il 35,2% dell’altro candidato, il professor Carlo Monaco e per la terza volta nel 2010 quando vinse contro Anna Maria Bernini e Giancarlo Mazzuca.

Vasco Errani coinvolto nel processo “Terremerse”

Nel luglio del 2014 Vasco Errani decise però di dimettersi da Presidente dalla regione Emilia Romagna. Una decisione maturata dopo la condanna della Corte d’Appello di Bologna per falso ideologico, nell’ambito del processo riguardante la cooperativa Terremerse. L’accusa mossa al politico italiano era di aver fornito informazioni non esatte al magistrato che indagava sui contributi “facili” concessi dalla regione alla cooperativa «Terremerse», guidata in passato da suo fratello, Giovanni Errani, a sua volta indagato dalla procura di Bologna.

La procura chiede per Vasco Errani 10 mesi e 20 giorni di reclusione ma il GUP di Bologna Bruno Giangiacomo assolve Errani (e tutti gli altri imputati) perché il fatto non sussiste. Il il 18 febbraio 2013, la Procura di Bologna ha fatto però ricorso contro l’assoluzione e nel luglio 2014 l’ex governatore viene condannato ad un anno di reclusione, insieme ai dirigenti regionali Terzini e Mazzotti, a cui è stata inflitta una condanna di un anno e due mesi. La vicenda terminerà il 21 giugno 2016 quando viene definitivamente assolto dalla Corte d’Appello di Bologna con la dichiarazione che “il fatto non costituisce reato”.

Ad oggi quello di Vasco Errani è il nome più accreditato per ricoprire il ruolo di commissario straordinario per la ricostruzione post-terremoto nel Centro Italia dato che Errani aveva già svolto questo ruolo dopo il terremoto nella sua regione con ottimi risultati. La nomina dovrebbe essere ufficializzata con un decreto a breve.

Leggi anche: