Concorso Polizia di Stato 2017: dove studiare e come esercitarsi

Terrorismo, blitz della Digos: arrestati italiani convertiti alla jihad

Il concorso per gli allievi agenti della Polizia di Stato è alle porte: il 2017 sarà l’anno fatale e in molti sono costretti a studiare e a preparare i quiz. Il bando, infatti, prevede tra le varie prove anche le domande a risposta multipla. Toccherà quindi prepararsi e iniziare a studiare fin da subito. Le domande a risposta multipla non sono ovviamente l’unica prova da superare: si tratta però del primo test. Non passarlo significa accantonare il sogno di entrare in Polizia.

Il concorso per l’accesso alla Polizia di Stato, aperto (val la pena ricordarlo) anche ai civili, tiene sulle spine tantissimi aspiranti poliziotti. I primi sondaggi parlano di circa 400 mila aspiranti per soli 1100 posti. Una differenza enorme che obbliga moltissimi aspiranti allievi a studiare. La prima cosa da fare è iniziare ad esercitarsi con i quiz: le domande a risposta multipla saranno determinanti. Online è pieno di siti web che offrono test e quiz anche gratuitamente: basta digitare online “studiare per il concorso di Polizia 2017“, “concorso Polizia di Stato 2017 come esercitarsi“, per trovare una marea di soluzioni a portata di click.

Online sono disponibili anche una serie di batterie e di simulazioni in grado di facilitare tantissimo il compito degli aspiranti allievi. Tuttavia il consiglio è sempre lo stesso: un quiz online potrebbe non bastare, anzi. Studiare, soprattutto in un concorso che potrebbe prevedere la partecipazione di circa 400 mila iscritti, appare determinante. Non sarà un’impresa semplice ma online è possibile acquistare, anche a prezzi accessibili, manuali e volumi. Si tratta ovviamente dei classici manuali per la preparazioni ai concorsi: nel caso specifico dovrete puntare tutto su un manuale per la preparazione al Concorso per Allievi Agenti Polizia di Stato 2017.