Dimissioni Renzi se perde il Referendum: l’annuncio alla Direzione Pd

Se perde il referendum costituzionale di ottobre Matteo Renzi è pronto a dimettersi. L’annuncio è stato dato nel corso della Direzione del Partito Democratico.

Il premier non ha usato giri di parole dinanzi all’assemblea dei quadri dirigenti del Pd e ha fatto sapere: “Il referendum è cruciale non per i destini di qualcuno ma per il futuro della credibilità della classe politica italiana”. Quindi l’affondo da far arrivare a tutti gli iscritti: “C’è qualcuno tra voi che pensa sinceramente che, dopo che la legislatura è nata e ha fatto ciò che ha fatto, in caso di ‘no’ al referendum, il presidente del Consiglio, e io penso anche il Parlamento, non ne possa prendere atto?”.

Secndo Renzi infatti si tratta di una passaggio fondamentale per la politica in Italia e avverte la “…responsbailità di un momento storico”. Il referendum dunque come punto di non ritorno per Renzi che nel caso dovesse prevalere il no sarebbe pronto a rimettere le proprie dimissioni così da aprire alle elezioni.

Leggi anche:

Giornalista professionista che cerca di raccontare, in maniera imparziale, i fatti. Per me scrivere è una passione, l'ho avuta sin da piccolo, che ho cercato di tradurre in mestiere.