Doping nell’Atletica: i Nomi degli Atleti Italiani verso la Squalifica

Mondiali 100 Km Winschoten 2015: Giorgio Calcaterra medaglia di bronzo

Due anni di squalifica da ogni competizione agonistica. Questa la pena richiesta dall’Ufficio di Procura della Nado Italia per ventisei atleti appartenenti alla federazione azzurra di Atletica Leggera, per aver eluso i controlli antidoping. I provvedimenti sono stati decisi in seguito agli sviluppi dell’indagine ‘Olimpia’ condotta dai Nas-Ros dei carabinieri di Trento, su mandato della procura di Bolzano, e agli accertamenti della stessa Procura Antidoping. Tanti i nomi illustri presenti: Fabrizio Donato, Matteo Galvan, Daniele Greco, Giuseppe Gibilisco, Andrew Howe, Andrea Lalli, Daniele Meucci, Christian Obrist, Ruggero Pertile, Fabrizio Schembri e Silvia Weissteiner. Chiesta invece l’archiviazione per altri 39 atleti per mancata reperibilità.

Uno scandalo che potrebbe sconvolgere il mondo dell’atletica leggera azzurra, che negli ultimi anni non ha comunque riscosso grandi risultati. L’ultimo atleta azzurro che ricordiamo vincente ad un Olimpiade è stato Andrew Howe, nel salto in lungo. È l’ennesimo caso dopo quello di Alex Schwarzer, il re della marcia italiana medaglia d’oro olimpica.

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.