Festival Locarno 2017: retrospettiva dedicata a Jacques Tourneur

Festival Locarno 2017: retrospettiva dedicata a Jacques Tourneur 1
A view of Piazza Grande

Il Festival di Locarno 2017 sarà dedicato a Jacques Tourneur. Questa la prima indiscrezione che viene fuori riguardo il tanto atteso appuntamento di concorso cinematografico internazionale. I Festival del cinema, si sa, cominciano a far parlare di sé molto tempo prima dell’effettivo svolgimento (si prendano Cannes e Venezia), lasciando trapelare le prime notizie relative a programma ed organizzazione sempre con largo anticipo. E Locarno non fa certo eccezione. Il Festival si terrà dal 2 al 12 agosto 2017. 

La prima notizia certa relativa al prossimo Festival di Locarno, il Festival svizzero dedicato al cinema indipendente la cui ultima edizione è stata vinta a sorpresa dal bulgaro Godless di Ralitza Petrova, film che è stato poi visto anche al Torino Film Festival insieme al suo rivale storico O Ornitólogo del portoghese João Pedro Rodrigues, riguarda la retrospettiva, che alla prossima edizione sarà dedicata al regista francese Maurice Tourneur.

Nato a Parigi il 12 novembre 1904 e scomparso nel 1977, il regista Tourneur, sconosciuto al grande pubblico contemporaneo, vanta un’intensa attività registica, sebbene gran parte dei suoi film fossero conosciuti meglio in patria che all’estero, e particolare rilievo acquista il suo contributo al cinema horror.

Tourneur fu attivo anche negli Stati Uniti (divenendo successivamente cittadino statunitense) e nell’arco della sua carriera realizzò una serie di titoli quali Il bacio della pantera, L’ultimo leopardo, La leggenda dell’arciere di fuoco, La notte del demonio e tanti altri. Tra i suoi interpreti si contano Gregory Peck, Kirk Douglas e Robert Mitchum.

Laureato in DAMS all'Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso "Darkside Cinema" e "L'Atalante", è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, "Interno familiare". Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.