Parole forti quelle scandite dai due conduttori di Striscia la Notizia, Ficarra e Picone, sul noto tg satirico in onda tutte le sere su Mediaset a partire dalle 20:30. I due comici della tv italiana, scherzano sul salvataggio del senato, in particolare arrivato dal Pd e da FI sulla proposta di decadenza da senatore di Augusto Minzolini.

La vicenda di Augusto Minzolini

Augusto Minzolini, con una carriera da giornalista alle spalle, che l’ha visto direttore del TG1 dal 2009 sino al 2011, dal 2013 è diventato senatore politico per il centro destra. Pregiudicato, a seguito della condanna definitiva per peculato con interdizione dai pubblici uffici è stato salvato dai voti del senato. Così i due conduttori di Striscia la Notizia ci vanno giù con dichiarazioni leggermente spinte.

Le dichiarazioni di Ficarra e Picone

Questo, lo scambio di battute in diretta televisiva, cominciato proprio da Ficarra“Almeno non fa il direttore del telegiornale”. E dire che Mattarella aveva detto che non votare la decadenza di un parlamentare interdetto è aberrante”, replica Picone: Sì, ma di questi parlamentari la metà non sa che significa ‘aberrante’ e l’altra metà se ne fotte”. E ancora ribatte Ficarra: “Alle accuse per il voto a favore di Minzolini il Pd ha risposto che c’è stato un voto di coscienza”, aggiunge Picone:Ah, quindi non si sono venduti il voto? Si sono venduti proprio la coscienza”.

Sicuramente, i due comici palermitani si troveranno a rispondere per le dichiarazioni di ieri sera (giovedì 16 marzo), espresse in diretta televisiva. Il video, però, che ritrae i due nel simpatico (ma troppo spinto) batti e ribatti è già impazzato sul web dove le visualizzazioni e le condivisioni sono arrivate a numeri considerevoli.

Condividi
Aspirante giornalista sportivo. Studente in scienze della comunicazione di Pisa. Le più grandi passioni sono la scrittura e lo sport, ho il calcio che mi scorre nelle vene, tanto da fondare una squadra amatoriale nel proprio paese.