James Bond, Daniel Craig rinnega il personaggio di 007: “È misogino e sessista”

James Bond, Daniel Craig rinnega il personaggio di 007: “È misogino e sessista”

Daniel Craig a sorpresa rinnega il personaggio di James Bond che lo ha reso famoso a livello mondiale definendolo “misogino e sessista“. L’attore prende le distanze dalla figura letteraria nata dalla penna di Ian Fleming e che dal 2006 interpreta, grazie alla quale ha riscosso una fama mondiale senza precedenti. A due mesi dall’uscita di Spectre, nuovo capitolo della saga di 007, le sue dichiarazioni fanno discutere e sembrano allontanarlo dalle prossime avventure dell’agente segreto più famoso del cinema e della letteratura.

Nell’intervista rilasciata al magazine “Esquire”, il 47enne attore britannico critica aspramente il personaggio da lui portato in scena: “Spero che il mio James Bond non sia così sessista e misogino come i precedenti. Il mondo è cambiato. Io non sono quel tipo di persona. James è un uomo solo: si porta a letto queste belle donne, ma poi loro lo lasciano. Una grande tristezza”. La natura di playboy  però fa parte da sempre del personaggio, che ha cambiato volto in diverse occasioni, da Roger Moore a Sean Connery, passando per Timothy Dalton e Pierce Brosnan e non sarà certo Daniel Craig a cambiare la storia di un personaggio che è un’icona del cinema. Piuttosto sarà certamente James Bond a fare a meno di Daniel Craig che francamente, non ha fatto una grande mossa nello schierarsi contro il suo personaggio.

Laureanda in Letterature Moderne Comparate per il Corso di Laurea in Filologia Moderna, ho diversi anni di esperienza presso testate giornalistiche online, blog culturali e magazine. Mi occupo di serie tv, cinema, letteratura e credo che la cultura l'unica strada che ci può rendere migliori. Ho scelto la scrittura come forma d'arte per cambiare il mondo