La Carriera di Rihanna: Successi e Segreti

La Carriera di Rihanna: Successi e Segreti

Rihanna è la prima cantante barbadiana a vincere un Grammy. Ma successivamente ne porta a casa altri 8, superando davvero tutte le aspettative. Attualmente è la star più visualizzata sui canali digitali di Vevo e Youtube, con oltre 8 miliardi di visualizzazioni, ha totalizzato il maggior numero di vendite digitali di sempre, 55 milioni di album e 210 milioni di brani digitali. 7 album in 7 anni, 1 ogni 365 giorni. Nel 2012 viene nominata dal Times nella lista delle persone più influenti del mondo. Una carriera da capogiro, quella di Robin Rihanna Fenty, nota a tutti semplicemente come Rihanna. Nata e cresciuta alle Barbados a Bridgetown nel 1988.

Ecco i flash della sua carriera mozzafiato:

2005 – Debutta con l’album Music of The Sun e il singolo Pon the Replay;

2006 – Album A Girl Like Me con il singolo di straordinario successo S.O.S, numero uno nella hot100 statunitense;

2007 – Nuovo album e singoli di successo come Umbrella, Disturbia, Dont stop the music, Take a bow;

2008 – Album di un r&b più introverso, di cui possiamo ricordare Rude Boy e Russian Roulette;

2009 – Si torna alla musica più puramente dance e pop con l’album Loud e con Only girl, Whats my name;

2011 – Nuovo album Talk Talk Talk e la sua canzone più venduta di sempre, We Found Love con Calvin Harris;

2012 – Arriva Unapologetic, album dai toni decisamente più urban, tra cui spiccano Diamonds e Stay. Duetta con Eminem in The Monster e lavora come stilista per Giorgio Armani oltre ad essere attrice nel film Battleship.

Come ci è riuscita?

La versione ufficiale è questa, Rihanna era una bambina un po’ troppo chiara di pelle per essere una barbadiana, era stata certamente schiarita dalle origini irlandesi del padre, dunque in infanzia, quando frequentava le scuole elementari a Bridgetown, fu spesso vittima di atti di bullismo, prepotenza e razzismo. Il padre aveva seri problemi di cocaina, tre mogli diverse, figli sparsi di qua e di là, non rappresentava certamente il ritratto della continuità e della serenità. Ma lei cresceva ascoltando musica reggae, poi a 7 anni iniziava a cantare. Ben presto la piccola Rihanna sboccia, si iscrive alla Combermere School dove forma un gruppo musicale con due sue compagne. Contestualmente presta servizio per il corpo di addestramento basico delle forze di difesa barbadiane, il “Barbados Cadet Corp”. Ma nel 2003 il produttore Evan Rogers stava spaparanzato alle Barbados con cocktail e infradito per trascorrere una vacanza di relax, Rihanna e il suo gruppo ebbero modo di esibirsi per lui, interpretarono i singolo delle Destinity Child “Emotions”.

Soltanto un anno dopo, Rihanna vola nel Connecticut per raggiungere Rogers e appena compiuti i sedici anni, la ragazza si trasferisce negli Stati Uniti dove viene accolta dal produttore e da sua moglie. Poco dopo il grande Carl Sturken la aiuta a incidere quattro canzoni demo, tra cui quella che sarebbe divenuta il suo primo grande successo: Pon the Replay. I demo arrivano a svariate case discografiche compresa la Def Jam Recording, che le offre un contatto di sei album e la prima grande opportunità. E da qui parte alla conquista del mondo intero, Like a Diamond in the Sky.

LEGGE ANCHE

Condividi
34 anni, avellinese, iscritto all'Albo Nazionale dei Giornalisti Pubblicisti dall'ormai lontano 2000. Appassionato di sport, tecnologia e web, è attualmente Search Marketing Specialist nell'agenzia pubblicitaria statunitense J. Walter Thompson.