Le Iene, Servizio Amianto a Napoli-Ponticelli (Video 15 febbraio 2017)

Il servizio andato in onda ieri sera su Italia1, nel programma tv "Le Iene"

Nuovi Conduttori Le Iene 2016: Ecco i Nomi Ufficiali

E’ una triste storia all’italiana, di quelle che ti lasciano con un nodo in gola, quella raccontata ieri sera a Le Iene. Per chi conosce il quartiere popolare di Ponticelli, situato nella zona est della città metropolitana di Napoli, sarà l’ennesimo ascolto di una vicenda che va avanti da anni, per altri una conoscenza spiacevole di uno spaccato del nostro Paese.

Durante l’ultima puntata della trasmissione di Italia 1 Le Iene, è andato in onda un servizio dell’inviata Nadia Toffa, che si è recata nella periferia nel capoluogo campano, nel secondo quartiere più popolato della città dopo Fuorigrotta, dove ancora oggi più di quattrocento persone vivono in prefabbricati chiamati Bipiani, dei veri e propri container costruiti in amianto. Fuori legge in Italia dal 1992, l’amianto è pericolosamente cancerogeno per via del suo deterioramento e, una volta usurato, se respirato diventa letale.

Trentadue famiglie che vivono da oltre venticinque anni in questa emergenza sanitaria, lasciate sole e dimenticate dalle istituzioni per troppo tempo. L’inviata si è recata dal Presidente della Regione Vincenzo De Luca, che si è sottratto alle telecamere senza rilasciare dichiarazioni, e dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che ha commentato: “E’ una questione che conosciamo ed abbiamo più volte affrontato, una situazione complicata. La struttura va abbattuta, perché non possiamo creare un conflitto tra diritto alla salute e diritto al tetto. Le persone, anche quelle abusive, hanno diritto ad una casa ed il Comune si farà carico di risolvere questa questione entro il 2017”. Un segnale di speranza per tutte quelle persone, molte delle quali colpite dal cancro, che aspettano da tempo che lo Stato si faccia carico di questa problematica.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL VIDEO “DIMENTICATI NELL’AMIANTO”

Condividi
Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.