Lufthansa rileva parte di Air Berlin e mostra interesse per una nuova Alitalia

Lufthansa acquista Air Berlin e punta Alitalia.

AirBerlin, che dall’estate scorsa, aveva dichiarato di aver bisogno di soldi chiedendo aiuti pubblici, dopo una serie di avvenimenti, viene in parte rilevata da un gruppo tedesco: Lufthansa. Lo stesso firmerà oggi l’accordo per l’acquisto dell’insolvente compagnia low cost.

Lufthansa conclude finalmente l’affare con Air Berlin. La compagnia tedesca, firma oggi un accordo, per comprarne alcune parti, in particolare 81 aerei su 140 acquistabili e 3000 dipendenti su 8.500. Il mese scorso i vertici di Air Berlin avevano garantito ai dipendenti: “raggiungeremo un accordo che offrirà buone prospettive all’80% dei nostri colleghi”. Così, purtroppo non è stato. L’ AirBerlin, negli ultimi dieci anni ha combattuto per tenersi in utile, il 15 agosto ha dichiarato fallimento, ed è ora in amministrazione straordinaria. L’amministratore delegato di Lufthansa, Carsten Spohr, ha affermato: “oggi vedremo una pietra miliare nella storia di Lufthansa e Air Berlin. In questo modo le azioni Lufthansa hanno visto crescere il loro valore del 2,9%.

Partecipanti alla gara per l’acquisto della compagnia anche la Easyjet, le trattative con la stessa, si disse, avrebbero dovuto concludersi il 12 ottobre 2017.

Festa della Donna con Lufthansa: 6 voli con equipaggio tutto al femminile

 

Lufthansa mostra interesse per una “nuova Alitalia”

I due vettori, AirBerlin e Alitalia, potrebbero avere un destino comune, visto il serio interesse di Lufthansa anche per la compagnia di bandiera.

Lufthansa ha pubblicamente dichiarato l’interesse per Alitalia, precisando tuttavia che: “Alitalia per come esiste oggi non è in discussione. Ma se ci fosse l’opportunità di creare una nuova Alitalia, allora Lufthansa sarebbe la prima compagnia europea interessata” così asserisce Carsten Spohr. Le offerte per Alitalia scadono il prossimo 16 ottobre. Per l’acquisto della compagnia di bandiera sonno state presentate due opzioni: rilevare l’intera compagnia, opzione a cui nessuno sembrerebbe aver mostrato interesse, oppure la divisione del gruppo in due parti, il settore volo e l’handling. Fino al 5 novembre ci sarà tempo per valutare e migliorare le offerte, il che porterà alla definitiva aggiudicazione da parte dei tre commissari straordinari della compagnia.