Migranti in arrivo, Renzi: “Europa deve svoltare”

Quello dei migranti è un tema tanto delicato quanto importante. L’Italia, meta dei diversi profughi provenienti dai Paesi a rischio e in guerra, non può da sola farsi carico di tutto e chiede aiuto all’Europa. Intervenuto a Repubblica, il Premier Matteo Renzi ha affrontato il problema dei migranti in arrivo e lanciato un chiaro messaggio agli altri Paesi del Vecchio Continente che troppo spesso fanno orecchie da mercante mettendo a rischio il vivere comune: “L’Europa si trova davanti a un bivio: o ritrova ideali e ragioni del vivere insieme oppure diventa un condominio fatto di regole astratte e sterili. Regole in maggioranza economiche e per lo più sbagliate. Bisogna superare la logica dell’egoismo nazionale, bisogna superare Dublino”.

Il Premier Renzi chiede una maggiore presenza dell’Europa sul campo e una condivisione del “problema migranti”: “È giusto che gli hotspot vengano gestiti a livello europeo, ma questo sarà possibile solo se ogni Paese si farà carico di un gruppo di ospiti e se la questione dei rimpatri venga gestita dall’Unione Europea e non dai singoli Stati”. Il capo dello stato quindi prosegue ancora rivolgendosi all’Europa: “Deve scegliere se continuare a voltare le spalle alla realtà o se vuole affrontarla con tutte le problematiche, con schiena dritta, sguardo visionario, intelligenza e coraggio”.

Quindi Renzi parla dell’Italia, Paese che negli ultimi mesi si è trovata ad affrontare tale emergenza in solitudine: “Dopo aver trascorso dei mesi a fronteggiare da soli l’emergenza sia in mare che nei tavoli di Bruxelles, finalmente tutti si sono resi conto di quello che stava succedendo e che non era più possibile voltarsi dall’altro lato. Per noi è stato un successo”. Infine il Premier conclude: “L’Italia è orgogliosa dei propri figli che lottano contro le onde per salvare le vite umane. L’Italia sa però che le emozioni non sono sufficienti, servono le azioni”.

Leggi anche: