Morto Mario Guida, aveva 84 anni il pionere dell’editoria napoletana

Le sue condizioni di salute si sono aggravate dopo la rottura del femore.

Morto Mario Guida, aveva 84 anni il pionere dell'editoria napoletana 1

E’ morto a 84 anni uno dei protagonisti della scena culturale partenopea, Mario Guida. Si è spento a Napoli oggi 28 febbraio 2017 in seguito all’aggravarsi delle sue condizioni di salute dopo la rottura del femore.

Mario Guida era un uomo intellettualmente vivace e curioso, un vero innovatore nel campo dell’editoria. Era figlio di Alfredo Guida e fondatore delle librerie e della casa editrice. La libreria “Guida” a Port’alba a Napoli era il centro della cultura napoletana, era un punto fermo da dove era imprescindibile passare e da lì infatti passavano tutte le novità editoriali e i grandi protagonisti della scena culturale internazionale. “Guida” pubblicò testi di Eugenio Garin, Umberto Eco, Martin Heidegger. La mitica “saletta rossa” ospitò incontri con Edoardo Sanguineti, Allen Ginsberg, Fernanda Pivano e tantissimi altri.

IL BOOM DELLE LIBRERIE GUIDA

Il boom delle librerie “Guida” si ebbe tra gli anni ’70 e ’90 quando a Napoli c’erano sei librerie “Guida”. Poi la crisi dell’editoria e tante altre vicissitudini hanno portato alla chiusura di alcune di esse, ma il marchio “Guida” librerie è entrato nella storia dell’editoria napoletana e questo niente potrà cambiarlo, neanche un paese dove chiudono librerie per far posto a sale giochi, punti scommesse e friggitorie.

MARIO GUIDA E LA VISIONE DELL’EDITORIA

Mario Guida aveva una visione meravigliosa dell’editoria, intesa come luogo di incontro e di scambio di idee, non dei semplici punti vendita dove acquistare un libro, ma dei veri e propri luoghi di cultura e di condivisione di idee, dove fare cultura significava “discussione” di quell’autore o di quel libro. Per lui il luogo “saletta” all’interno di una libreria significava dar voce a chi aveva qualcosa di profondo ed interessante da dire e condividere con gli altri, ecco perché creò una rete capillare di “salette” anche dove nessuno avrebbe mai pensato potessero esserci.

Ed invece fu un successo e la mitica “saletta rossa” ricevette il riconoscimento di “bene culturale”. Con Mario Guida va via un’idea di editoria “vera” e “tenace”, quasi un luogo dell’anima dove le idee nascevano e si divulgavano.

 

Condividi
Sono Daniela Merola, giornalista, blogger, scrittrice e presentatrice eventi culturali, sono ufficio stampa di librincircolo.it e ricominciodailibri.it, sono socia della libreria iocisto. Sono appassionata di spettacolo, teatro e editoria, amo il calcio e il tennis. La comunicazione è la mia forza, mi piace mettermi alla prova con le presentazioni e la recitazione.