Rinnovo Insigne-Napoli Ufficiale: l’annuncio in Conferenza Stampa

Lorenzo Insigne firma il rinnovo con il Napoli fino al 2022. De Laurentiis si è detto contento del prolungamento poiché il giocatore sarà la bandiera dei partenopei.

Insigne rinnova con il Napoli firmando fino al 2022. La conferenza stampa si è svolta a Castelvolturno in presenza del presidente Aurelio De Laurentiis che si è detto contento di questo prolungamento.

Lorenzo il Magnifico, così viene chiamato l’attaccante partenopeo, dopo qualche schermaglia con il presidente e dopo qualche attesa di troppo è arrivato alla firma del rinnovo con il Napoli. Prolungamento, dunque, che lo farà diventare il giocatore simbolo, quella bandiera che, forse, nel capoluogo campano manca da qualche tempo a questa parte.

Lorenzo Insigne: “Orgoglioso del rinnovo”

Insigne ha prolungato il proprio rapporto con la sua squadra del cuore e metterà, presumibilmente, le basi per portare il Napoli alla vittoria che non è solamente il suo auspicio ma è la speranza di tutti i tifosi partenopei che avranno un altro giocatore da lodare e per cui esultare. Le sue prima parole post firma del rinnovo sono state di assoluta felicità: “Ho realizzato il mio sogno che avevo sin da piccolo e ne vado orgoglioso. Ho rinnovato per altri 5 anni e spero di non dover togliermi questa maglia. Sono orgoglioso e adesso voglio vincere e portare questa vittoria a tutti i nostri tifosi che hanno molte aspettative. Ora mi sento un leader, ho superato tante difficoltà anche grazie ai miei compagni”.

De Laurentiis ha annunciato il rinnovo di Insigne

Oltre ad Insigne ha parlato anche De Laurentiis che si è detto gioioso del prolungamento del giocatore oltre che contento di quello che sta facendo la sua squadra: “Lorenzo sarà la bandiera del Napoli e sono felice per questo perché è un ragazzo intelligente che proviene dal nostro vivaio. Abbiamo superato tanti periodi bui ma nonostante come squadra Napoli ne siamo usciti vincitori. Abbiamo lavorato tanto, con prudenza e con onestà intellettuale. Nessuno ci ha aiutato.

Infine, parla di mercato in merito alla questione Mertens e di quanto sia importante aver la volontà di stare a Napoli: “Non posso obbligare qualcuno a restare se questo qualcuno non dovesse averne voglia. Per questa squadra bisogna radicarsi nella napolinità. Stare qua è un piacere e non è come Torino o Manchester, Napoli è qualcosa di speciale, di particolare. Se qualcuno andrà via ce ne faremo una ragione e sarà sostituito a dovere”