Roma, Movimento 5 Stelle: il mini direttorio si dimette

Roma, Movimento 5 Stelle: il mini direttorio si dimette
Il candidato sindaco del M5S Virginia Raggi con il suo staff in una foto postata dalla stessa Raggi sul suo profilo Twitter, il 24 maggio 2016. Tra loro la senatrice Paola Taverna (a sinistra della Raggi), Fabio Massimo Castaldo, portavoce al parlamento europeo (a destra della Raggi) e Gianluca Perilli, portavoce alla Regione Lazio (primo da destra). ++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO'ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA +++

E’ davvero bufera al Comune di Roma, dove poco fa si è dimesso il mini direttorio del Movimento 5 Stelle.

L’organo che doveva affiancare l’azione amministrativa del sindaco Raggi si è dimesso con una nota sul blog ufficiale del Movimento 5 Stelle. Tra le righe delle dimissioni di Paola Taverna, Fabio Massimo Castaldo e Gianluca Perilli si legge: “A Roma la macchina amministrativa è partita ed è giusto che ora proceda spedita. Per questo, riteniamo che oggi il nostro compito non sia più necessario”.

E’ vera questa giustificazione o dietro c’è dell’altro e quindi tutte le polemiche che stanno accompagnando in questa fase iniziale l’azione amministrativa di un sindaco che doveva rappresentare il cambiamento e che invece si sta impelagando in diatribe che rendono immobile la macchina amministrativa capitolina? Ce lo spiegano gli stessi componenti del mini direttorio cittadino che si sono dimessi poco fa: “Non faremo mai mancare il nostro sostegno e il nostro contributo” all’amministrazione capitolina”.

Leggi anche: