Sacchetti bio per alimenti: da gennaio a pagamento in tutti i supermercati

Anche la spesa diventa più ecosostenibile: da gennaio 2018 i sacchetti di plastica saranno sostituiti con sacchetti bio a pagamento ( da 2 a 5 centesimi)

Niente più plastica nei supermercati: dal  1° gennaio 2018, tutte le buste, non solo quelle che usiamo per riporre la spesa, saranno a pagamento. Ci ritroveremo a pagare i sacchi leggeri utilizzati nei reparti gastronomia, macelleria, ortofruttra, pescheria e macelleria, una nuova stangat(in)a, insomma! Si passa dalle bustine di plastica ai sacchetti bio, cioè biodegradabili e compostabili con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile del 40%.

I sacchetti bio saranno distribuiti solo a pagamento – come prevede la normativa – e indicati sullo scontrino fiscale. La legge è stata approvata alla Camera lo scorso 3 agosto come conversione del decredo legge Mezzogiorno ed è la realizzazione della normative europea 2015/720 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 aprile 2015. Dunque, stop alla plastica: scatteranno pesanti sanzioni per chi cercherà di evadere la legge.

I nuovi sacchetti bio, quanto costano?

Dalla ricerca Ipsos Public Affairs di qualche giorno fa, emerge che sei italiani su dieci sono a favore dei sacchetti bio. L’indagine è il frutto di una ricerca qualitativa e quantitativa effettuata su un campione rappresentativo della popolazione di età tra i 18 e i 65 anni. Da questo si evince che la mentalità è cambiata, basta pensare al riciclo: il 71% degli intervistati afferma di riutilizzare materiali. In questi ultimi anni, infatti, si è creata una maggiore propensione alle abitudini ecosostenibili. La plastica è uno dei materiali più inquinanti per il pianeta e, introdurre dei sacchetti bio, riduce sicuramente l’impatto ambientale. Le ipotesi più concrete circa il costo è sui 2-5 centesimi. In questo modo, facendo due conti, la spesa costerà dai 10 ai 20 centesimi in più. Ma c’è chi non è d’accordo…

 

Un paio di occhiali e uno zainetto in spalla sono le costanti della sua vita. Laureata in Comunicazione, ora frequenta il corso di Laurea Magistrale in Comunicazione ICT e Media a Torino. Nutre un amore spassionato per la semplicità e la fotografia. Quando non la trovi con un libro e una tazza di tè tra le mani, è immersa nella Natura. Oppure in cucina a sfornare una crêpe.