Santo del giorno, oggi 16 marzo: Sant’Eriberto da Colonia

Santo del Giorno di oggi è Sant'Eriberto da Colonia: cancelliere dell'Imperatore tedesco e Vescovo di Colonia è il patrono della pioggia, invocato contro la siccità

Santo del giorno, oggi 16 marzo: Sant'Eriberto da Colonia
Lt. Überlieferung soll die erste , von Erzbischof Herbert , um die Jahrtausendwende, errichtete Kirche im Kloster wegen Baumängel eingefallen sein. Eine neue wurde errichtet. Um 1020 konnten dann die ersten Mönche, an der Spitze Abt Folpert einziehen. Herbert starb am 16.3.1021 und er wurde in seiner Kirche beigesetzt. Seine sterblichen Reste wurden 1170 in einen kostbaren Schrein verbracht, der noch heute in St. Herbert in Deutz zu bewundern ist.

Sant’Eriberto da Colonia, venerato dalla Chiesa Cattolica e da tutte le Chiese che ammettono il culto dei Santi, è il Santo del Giorno di oggi 16 marzo. Fu Vescovo tedesco e gran cancelliere dell’Imperatore Ottone III.

Nato nel 970 da una nobile famiglia tedesca, alla quale appartenevano personaggi illustri per la politica, per la Chiesa e per le milizie tedesche, Eriberto studiò nella Scuola della Cattedrale di Worms e successivamente nella Abbazia benedettina di Gorze, in Lorena. Alla giovane età di 24 anni venne incaricato del ruolo di Cancelliere dell’Imperatore Ottone III che di anni ne aveva 14 (reggente era la madre), incaricato per gli affari italiani. Nel 994 divenne sacerdote e più tardi fu nominato Arcivescovo di Colonia.

Nel 1002 assistette Ottone III in punto di morte, a Viterbo e poi ne accompagnò le esequie ad Aquisgrana. Dopo la morte dell’Imperatore Eriberto abbandonò la carica di Cancellierato e si dedicò totalmente alla vita religiosa, in veste di Vescovo di Colonia. Si prodigò in opere di carità e assistenza ai più poveri e agli ammalati. Fra i miracoli a lui attribuiti si ricorda il salvataggio di Colonia da una carestia dovuta a una siccità spietata: con la forza della preghiera, San Eriberto da Colonia, invocò la pioggia e salvò la città dalla fame. Inoltre si attribuisce a questo religioso tedesco anche la guarigione del suo Cappellano, di un uomo posseduto dal demonio e di una donna cieca. Morì a Colonia il 16 marzo 1021.

Eriberto da Colonia venne proclamato Santo quando era ancora in vita dai devoti grati per i suoi miracoli. Fu Papa Gregorio VII a procedere con la canonizzazione ufficiale, nel 1074. E’ patrono di Deutz sul Reno, una località vicina a Colonia. Viene invocato contro la siccità e la carestia.

Lelia Paolini è nata a Viareggio. Vive in Versilia con i tre figli, due gatti e un marito. Fra le sue più grandi passioni leggere, scrivere, ridere, viaggiare. Sogni nel cassetto: scrivere il romanzo del secolo e stabilirsi in un cottage in Scozia, vista Oceano.