Trasfusioni Sangue Infetto da Hiv: Servizio Le Iene (31 maggio)

A Le Iene la triste storia delle trasfusioni di sangue infetto tra gli anni '70 e '90. Tanti i contagi con il virus dell'HIV e dell'epatite C. Ecco il servizio de Roberta Rei.

Ultima puntata de Le Iene quella del 31 maggio. Tra gli argomenti più importanti c’è, senza dubbio, qullo delle trasfusioni di sangue infetto dall’HIV. Il servizio è stato realizzato da Roberta Rei e vede coinvolte centinaia di persone, alcune delle quali ancora vive ed in lotta con la loro malattia. Andiamo ad approfondire la vicenda.

Trasfusioni di Sangue Infetto: la vicenda

La storia narrata da Roberta Rei non è attuale, ma copre quasi un trentennio, che va dagli anni ’70 ai ’90. In quegli anni migliaia di persone in tutto il mondo si ritrovarono infettate con il virus dell’HIV (o dell’Epatite C) a causa di trasfusioni di sangue non controllate. Tra questi anche diversi italiani, molti dei quali sono ormai deceduti.

Le Iene sono andate a parlare con alcuni dei “superstiti”, che stanno lottando contro un doppio nemico: la loro malattia e lo stato. C’è, infatti, chi ha intrapreso battaglie legali per ottenere un risarcimento, più che dovuto, senza vedere ancora l’ombra di un euro. Roberta Rei ha anche incontrato alcune famiglie dei deceduti e, infine, il Ministro della Salute, Lorenzin.

Servizio Roberta Rei: dove rivederlo?

Il servizio di Roberta Rei sulle trasfusioni di sangue infetto (HIV e non solo) sarà disponibile, come tutti gli altri, sul sito ufficiale de Le Iene. Per vederlo il procedimento è molto semplice: basterà restare in home page e scorrere in basso, fino ad arrivare alla sezione con tutti i servizi della puntata.