Trattati di Roma: Papa Francesco incontra i Capi di Stato Europei

Anno Santo Straordinario, Papa Francesco: “Dedicato alla Misericordia”

Oggi, quella dell’Europa è una figura alla ricerca di una nuova identità e alla vigilia delle celebrazioni per il 60° anniversario della firma dei trattati di Roma, Papa Francesco ha incontrato ieri i capi di stato europei.

L’Europa Unita dagli ideali cristiani

Alle 18:00 di ieri, il pontefice, incontrando i capi di stato europei, ha ricordato come fossero concitati quei momenti di quel 25 marzo 1957, quando a Roma furono gettate le basi dell’Unione Europea, e ha giustamente spiegato come quanto possa essere utile capire il passato per vivere il nostro tempo. Un passaggio importante del discorso è stato quando, citando Giovanni Paolo II, il pontefice ha spiegato che l’Europa rimane unita perché al suo interno vi sono valori accomunati col cristianesimo, come la dignità della persona umana, senso di giustizia e libertà, ma soprattutto il rispetto della vita.

Una speranza per l’Europa

Ma l’Europa è in grado di ritrovare la speranza? Per il Santo Padre questo è pssibile puntando sui giovani, dando loro la possibilità di avere un lavoro, investendo sulla famiglia e pertanto dando la possibilità di fare figli. Bisogna infine difendere la vita nella sua essenza, senza dimenticare che la solidarietà è l’antidoto ai populismi. Con emozione, il pontefice ha infine ricordato le vittime dell’attentato a Londra. Ha poi così concluso: l’Europa merita di essere costruita.

Condividi
Laureando in Scienze Religiose, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale. Il mio sogno ? Diventare vaticanista!