Università di Catania: Rettore Pignataro sostituito da Commissario straordinario?

Università di Catania: Rettore Pignataro sostituito da Commissario straordinario?

La sentenza del CGA ha azzerato tutte le cariche dell’Università di Catania. Al rettore Pignataro il compito di indire nuove elezioni, in caso contrario verrà nominato un commissario straordinario.

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia ha accolto il ricorso della professoressa Febronia Elia contro lo statuto dell’Università di Catania e azzerato gli organi del relativo Ateneo a partire dal rettore, carica ricoperta da Giacomo Pignataro.

La carta statuaria dell‘Università di Catania ha, sin dalla sua adozione, nel 2011, sempre sollevato delle polemiche e tra queste quella relativa alla sua legittimità. Nel novembre 2015, a seguito del ricorso presentato dalla professoressa Febronia Elia, si era pronunciato sulla questione il Tar che però ha “riconosciuto l’assoluta correttezza del percorso dell’Ateneo”. La docente si è quindi rivolta al CGA la cui sentenza è stata chiara: accolto il ricorso e dichiarato illegittimo il nuovo statuto dell’Università di Catania.

Il rettore Pignataro dovrà presentare, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento, il rinnovo degli organi statuari, in caso contrario, secondo quanto si apprende dalla sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, verrà nominato un commissario straordinario che provvederà a indire nuove elezioni.