Attentato a Berlino: l’Isis rivendica la strage

Bandiera Isis a Sarno: in Campania tra Avellino e Salerno

L’Isis rivendica la strage di questa sera a Berlino. Come avvenne qualche mese fa a Nizza, anche in questa occasione si è deciso di colpire al cuore di una grande città Europea. Sono una cinquantina i feriti e una decina le persone che hanno perso la vita a seguito dell’attentato.

Colpa, ancora una volta, dell’Isis, ormai un vero e proprio flagello per tutta l’Europa. Purtroppo, a farne le spese, sempre poveri innocenti, per di più a pochi giorni dal Natale. Le persone stavano infatti passeggiando per le bancarelle natalizie della città quando, all’improvviso, si sono visti piombare addosso un grosso mezzo, un camion che non ha mai fermato la sua folle corsa.

Come riporta il grande quotidiano nazionale, La Repubblica, secondo il Berliner Morgenpost, gli attentatori a bordo del camion erano due: uno è morto nell’impatto contro il mercatino di Natale, l’altro sarebbe saltato fuori e fuggito a piedi in direzione del Tiergarten.

Il secondo attentatore fuggito è stato, secondo fonti tedesche, arrestato. Seguono aggiornamenti live sull’attentato.