Chi è Diana Bacosi che ha vinto l’oro nello Skeet Femminile?

Diana Bacosi Oro nello Skeet Femminile (Olimpiadi Rio 2016)

La nuova campionessa olimpica dello Skeet Femmininile è Diana Bacosi, la quale nel derby tricolore ha sconfitto l’udinese Chiara Cainero; ma chi è la vincitrice di questa medaglia d’oro? Andiamo a conoscerla.

Diana è nata il 13 luglio del 1983 nella città di Pive (Perugia), ha iniziato a praticare lo Skeet all’età di 14 anni ed il fucile d’allenamento che usa è il Beretta DT11. L’umbra svolge i suoi allenamenti in un campo di tiro sito in Roma ed è un atleta militare.

L’azzurra fece il suo esordio in una manifestazione internazionale della ISSF nel 2004, quando partecipo all’europeo che si svolse a Nicosia (Cipro) dove ottenne la 16^ posizione.

Diana il Brasile porta bene, dato che nel 2005 partecipò alla Coppa del Mondo, che si svolse propria nella nazione detta Pindorama (Terra delle Palme), in quell’occasione riuscì a colpire 92 piattelli e riuscì a conquistare l’argento mondiale.

Nel 2007, ha ricevuto la Medaglia di Bronzo al Merito Sportivo.

Nel 2008 ha partecipato a due Coppe del Mondo, una svoltasi a Suhul (Germania) e l’altra svoltasi a Pechino; nella prima riuscì a conquistare la vittorie e la conseguente medaglia d’oro, nella seconda invece conquistò l’argento.

Sempre nel 2008 ha ricevuto due importanti premi, la Medaglia d’Argento al Merito Sportivo ed il Discobolo d’Oro.

La sua più grande gioa la ha ottenuta nel 2009, quando il 13 febbraio, è diventata madre per la prima volta, dando alla luce Mattia.

Nel 2011 nel deserto di Tucson (Arizona) riusci a conquistare l’argento e per tale motivo ricevette l’onorificenza della Stella d’Oro al Valore Atletico. Sempre nel 2011 ed esattamente il 10 settembre e convolata a nozze con il suo Vincent.

Nel 2013 ha vinto sia un argento alla prova di Acapulco (Messico) e sia due 2 bronzi, uno vinto a Nicosia e l’altro a Abu Dhabi (Emirati Arabi).

Leggi anche:

Diana Bacosi Oro nello Skeet Femminile (Olimpiadi Rio 2016)

Chiara Cainero Argento nello Skeet Femminile (Olimpiadi Rio 2016)

 

 

 

Sognatore per antonomasia, ritiene che la verità vada ricercata e non creduta per sentito dire. Appassionato di testi antichi i quali ritiene vadano letti per ciò che raccontano, senza volerne alterare il significato, con figure retoriche inesistenti, per veicolare una verità che non esiste. Poeta spesso malinconico. Ama definirsi "Destista"