Come si scrive d’altronde o daltronde?

Come si scrive daccordo o d'accordo?

Uno degli errori più frequenti in italiano riguarda la locuzione avverbiale “d’altronde/daltronde”: come si scrive? Con o senza apostrofo? Già sfogliando i più rinomati dizionari di lingua italiana è possibile avere una risposta soddisfacente, in quanto vi è una sola forma indicata come corretta.

Come si scrive “d’altronde o daltronde”? La locuzione avverbiale in questione deriva da “da” (preposizione semplice) + “altronde” (avverbio di luogo). L’incontro delle due vocali “a” a conclusione di una parola e inizio dell’altra genera un’elisione che viene quindi indicata con l’apostrofo. Per scrivere correttamente tale locuzione avverbiale bisogna utilizzare la forma “d’altronde”, quella cioè che rispetta tutte le regole grammaticali e che risulta essere stata accettata dall’Accademia della Crusca.

“D’altronde” va scritto con apostrofo, ma scrivere “daltronde” (forma priva di elisione) non è del tutto scorretto. Il Dizionario di Ortografia e Pronunzia (DOP) riporta infatti entrambe le forme specificando però che, a differenza di “d’altronde”, “daltronde” è meno comune. Per non sbagliare dunque è opportuno utilizzare l’apostrofo.

Leggi anche:

Nata l'11 dicembre 1990 a Catania e laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi della città etnea. Ho iniziato a scrivere un po' per gioco nel 2012. La mia materia prima è il calcio, occhio però... più che i tacchetti preferisco indossare il tacco 12! Adoro la musica e mi diletto ad armeggiare tra i fornelli. Il mio piatto forte? Chiedetelo ai "miei" assaggiatori...