Discoteca Fabric a Londra Chiude: Revocata la licenza d’esercizio

Chiude definitivamente i battenti a Londra, Fabric, uno dei più noti locali della movida notturna londinese.

In seguito a un indagine su due decessi  avvenuti nel locale, il 25 giugno e il 8 agosto scorsi, per sospetta overdose, la discoteca londinese Fabric si era vista revocare temporaneamente la licenza d’esercizio. In attesa dell’udienza per il rinnovo, la proprietà del locale aveva indetto una campagna di sensibilizzazione, chiamata “Save London’s Nightlife, Stop Closure of Fabric” (Salviamo la vita notturna di Londra, Stop alla chiusura del Fabric), diffondendola sul sito ufficiale del locale e tramite i social. Sono state raccolte oltre 150.000 firme sulla petizione. Nonostante questo, però, il Inslingot Borough Council non ha rinnovato la licenza del Fabric.

Molte figure dello spettacolo e della vita notturna londinese hanno commentato negativamente la chiusura definitiva del Fabric. Primo fra tutti Dj Jacob Husley che nella discoteca aveva lavorato per 8 anni: parla dell’accaduto come di “un duro colpo a Londra e alla cultura dei club notturni inglesi” e sottolinea anche il rischio che si crei un precedente pericoloso. Anche il Sindaco della Capitale, Sadiq Khan, si era detto contrario alla chiusura del Fabric, ritenendo importante salvaguardare certi locali come simbolo culturale e turistico di Londra.

LEGGI ANCHE 

Lelia Paolini è nata a Viareggio. Vive in Versilia con i tre figli, due gatti e un marito. Fra le sue più grandi passioni leggere, scrivere, ridere, viaggiare. Sogni nel cassetto: scrivere il romanzo del secolo e stabilirsi in un cottage in Scozia, vista Oceano.