Giubbini Catarinfrangenti alle Prostitute? Il Vice-Sindaco: “Li Pago Io!”

È proprio il caso di dire che la telenovela continua. Il vicesindaco di Spino d’Adda (CR),  Luciano Sinigaglia, mette mano al portafoglio: acquisterà di tasca propria i giubbini catarifrangenti per le prostitute, resi obbligatori dall’ordinanza comunale entrata in vigore venerdì scorso e di cui avevamo parlato in un articolo qui su newsly nei giorni scorsi.

La decisione è stata presa giovedì 3 settembre, in accordo con il primo cittadino Paolo Riccaboni, e dopo un sopralluogo lungo le strade di servizio che collegano il paese alla nuova strada statale Paullese raddoppiata. Qualche ‘lucciola’ ha già spiegato agli amministratori e agli agenti della polizia locale che se ne andrà, non volendo indossare l’abbigliamento catarifrangente.

Messe sull’avviso le professioniste del sesso, nei prossimi giorni l’assenza dell’abbigliamento a bande riflettenti non sarà più tollerata: polizia locale, stradale e carabinieri potranno cominciare ad applicare l’ordinanza. Il provvedimento sarà in vigore, a meno di proroghe, sino alla fine dell’anno.