“Involution”, la mostra di Luigi Guarino a Napoli

Tutto ciò che c'è da sapere sulla mostra di Luigi Guarino al museo Minimo di Napoli.

Involution” è la personale di Luigi Guarino, artista napoletano poliedrico e talentuoso che fa delle suddivisioni umane il suo punto di forza. La mostra “Involution” apre il 10 ottobre e fino al 30 ottobre 2017 al museo Minimo di Napoli, zona fuori grotta.

Luigi Guarino è un artista che ricerca le suddivisioni umane, le dicotomie dell’esistenza, che mostra attraverso le sue immagini la contemporaneità e il dialogo tra l’uomo e l’universo. Guarino è pittore e scultore, un narratore molto sensibile anche se apparentemente disincantato dinanzi alla mediocrità umana e che lui riesce a raccontare con una visione amara della realtà umana.

La mostra

Con la mostra “Involution” l’artista porta in scena una rappresentazione delle contraddizioni umane non risparmiando nessuno nella sua accusa ai vizi, alle ipocrisie e alle bassezze umane. La sua narrazione è corale e sottilmente rivolta ad una speranza di salvezza che lui crede ancora possibile. Non condanna Guarino, esprime con cruda verità come l’essere umano rappresenta se stesso in questa società e come potrebbe ancora fuggire dalle sue violenze. Il tratto di Luigi Guarino è netto, non si nasconde, la sua arte si sprigiona con spigolosità in un espressionismo quasi astratto. Le opere che compongono la personale del museo Minimo di Napoli sono piene nelle loro forme, le presenze sono solide, i colori si stanziano sulla superficie con tutto il loro peso. L’urgenza di Luigi Guarino per “Involution”, come dice anche il titolo, è narrare una “involuzione” umana. Ha così creato una struttura dell’immagine in tutta la sua pienezza ed accompagnata dalla figura, dallo sfondo, dal paesaggio. Questa immagine non ha paura di mostrarsi in tutto il suo insieme perché è l’insieme che dialoga distinguendosi dal resto ma restando unita in una immagine sola e piena di significato. L’arte di Luigi Guarino conserva la consistenza degli elementi, i volumi delle forme e aggiungendovi i colori che non sono sfumati ma restano all’interno dell’immagine stessa. “Involution” è quindi il racconto delle opposizioni umane in tutta la loro pienezza.

 

Sono Daniela Merola, giornalista, blogger, scrittrice e presentatrice eventi culturali, sono ufficio stampa di librincircolo.it e ricominciodailibri.it, sono socia della libreria iocisto. Sono appassionata di spettacolo, teatro e editoria, amo il calcio e il tennis. La comunicazione è la mia forza, mi piace mettermi alla prova con le presentazioni e la recitazione.