“L’arte di essere fragili” Teatro Diana di Napoli: D’Avenia racconta Leopardi

"L'arte di essere fragili: come Leopardi può salvarti la vita" Alessandro D'Avenia al teatro Diana

Alessandro D’Avenia continua il tour del suo libro “L’arte di essere fragili, come Leopardi può salvarti la vita” e martedì 18 aprile sarà al teatro Diana di Napoli. “L’arte di essere fragili” diventa così racconto storico ed esistenziale.

Alessandro D’Avenia usa la parola come se fosse azione, lotta, intento propositivo, narrazione, e capace di far accadere qualcosa in chi ascolta. È questa l’idea del tour leopardiano dello scrittore, professore in un liceo e seguitissimo dai giovani, che attraverso il suo romanzo “L’arte di essere fragili, come Leopardi può salvarti la vita” spiega la lezione di Giacomo Leopardi e come il grande poeta e pensatore può salvare la vita perché dà una grande lezione esistenziale. La regia del racconto teatrale è di Gabriele Vacis e le audio fonie sono di Roberto Marasco. È una bella sfida questa di D’Avenia, un nuovo modo di raccontare il perché di un romanzo, la sua ispirazione, spiegare un romanzo che si trasforma ogni volta, proprio come la lezione di Leopardi.

LE QUATTRO TAPPE DEL ROMANZO “L’ARTE DI ESSERE FRAGILI”

Il romanzo è composto da quattro tappe: l’adolescenza o l’arte di sperare, la maturità o l’arte di morire, la riparazione o l’arte di essere fragili, il morire o l’arte di rinascere. L’esistenza è vista come una spirale che ha un centro, dentro al quale c’è la consapevolezza della propria vocazione o di una propria passione dominante che permette a ciascuno di essere in divenire. Si diventa infelici quando qualcosa o qualcuno impedisce o ostacola questo cammino, quando tutto si riduce a mera produttività e competizione. Ecco perché “L’arte di essere fragili” è la risposta leopardiana al senso della vita e la sua lezione è più attuale che mai.

Questa lezione distrugge il senso di inutilità dell’esistenza e fa capire che l’unica cosa da fare sia quella di “fare qualcosa di bello nel mondo”. Così la fragilità diventa forza e “la ginestra” che è in noi può rifiorire nonostante il deserto intorno. Una lezione di grande autodeterminazione. Ecco perché Leopardi può salvarti la vita. L’idea di Alessandro D’Avenia di esaltare questa bistrattata “arte della fragilità” è un forte messaggio di comunicazione per tutti i giovani che vanno ad ascoltarlo. Contro il disincanto del mondo si può usare l’arte dell’autodeterminazione e della fragilità.

Sono Daniela Merola, giornalista, blogger, scrittrice e presentatrice eventi culturali, sono ufficio stampa di librincircolo.it e ricominciodailibri.it, sono socia della libreria iocisto. Sono appassionata di spettacolo, teatro e editoria, amo il calcio e il tennis. La comunicazione è la mia forza, mi piace mettermi alla prova con le presentazioni e la recitazione.