Milano, Poliziotti Condannati per Ricettazione e Concussione

Erano accusati di aver spartito con dei nomadi il bottino dei loro furti i due poliziotti di Milano che per questo motivo sono stati condannati per ricettazione e concussione a 7 anni di reclusione dai giudici della quarta sezione penale del Tribunale di Milano.

Giudici che, oltre alla pena detentiva, hanno predisposto l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e l’interdizione legale per la durata della pena. Ai due uomini, Cosimo Tropeano e Donato Melella, sono stati inoltre confiscati 1.500 euro a testa, cifra corrispondente a quanto da loro illegalmente ottenuto. La storia a cui questa sentenza fa riferimento risale a più di un anno fa: infatti, Tropeano e Melella furono arrestati nel dicembre 2015 con l’accusa di aver spartito con dei nomadi i proventi di una serie di furti messi in atto da quest’ultimi nella stazione Centrale di Milano. Oltre alla ricettazione, i due poliziotti sono stati anche accusati di concussione poiché avrebbero estorto denaro a donne nomadi con la minaccio di togliere loro i figli.

Una brutta storia che coinvolge due rappresentati dello Stato che, anziché svolgere il loro ruolo di tutori dell’ordine, scendevano a patti con dei malviventi e abusavano della divisa che indossavano per estorcere denaro, prestando così il fianco alla “truppa” sempre più numerosa di chi diffida delle divise.

Condividi
Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.