Mostra “I Tesori Nascosti” di Vittorio Sgarbi a Napoli: le Opere esposte

Mostra

Vittorio Sgarbi porta a Napoli la mostra “i tesori nascosti” presso la Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta e che resterà aperta dal 6 dicembre al 28 maggio 2017

La mostra ospita capolavori provenienti da diverse scuole e regioni italiane. Da Caravaggio a Tiziano Vecellio, da Boldini a De Pisis, a Ligabue, a De Chirico, da Francesco Solimena al Guercino, a Guido Reni, a Ribera, a Migliaro e tanti , tantissimi, tutti “tesori nascosti” di una bellezza che stordisce come ha detto lo stesso Sgarbi.

Una mostra che è un percorso che parte dal ‘400 per arrivare fino alle avanguardie del ‘900 inoltrato. L’arte non ha territori né temi e questo è il fulcro di tutta la mostra. “I tesori nascosti”, lo dice stesso il titolo, hanno tutti in comune il fatto di non essere normalmente visibili perché appartenenti a fondazioni bancarie, istituzioni e collezioni private e per questo “nascosti” al grande pubblico.

Questo è l’unico tema della mostra, la loro “unicità” perché nascosti ai più. Il tema è soltanto una scusa quando si crea una mostra, il tema in realtà è la bellezza di tutta l’arte, la bellezza di questi capolavori non ha bisogno di spiegazioni, ha bisogno di visibilità, di pubblico che apprezzi l’arte. La location della Basilica di Santa Maria maggiore alla Pietrasanta è assolutamente prestigiosa perché è essa stessa un “tesoro nascosto” che ha avuto bisogno di un esoso restauro finanziato dal Grande progetto dell’Unesco, anche se sul pavimento di cotto e maioliche ancora ci sono dei segni che non vogliono andar via, pur tuttavia questo gioiello del decumano maggiore, una delle due arterie che divide in due Napoli, l’altra è il minore, e che vanta il campanile più antico della città e una cappella rinascimentale del Pontano e del Capuccio, è lo scenario perfetto per ospitare questi 700 anni di storia dell’arte italiana, raccontata da questi 154 “tesori nascosti” e che rendono grande l’Italia e Napoli.

Questa mostra è solo il primo progetto di Vittorio Sgarbi per Napoli. Il 28 dicembre arriverà un altro capolavoro di Caravaggio, “la Natività” e non vi è tema più adatto in questo periodo al museo “Madre”, dove sarà esposta al “donna regina vecchia”. Ancora nel 2017 arriverà “notte stellata” di Van Gogh e un altro progetto si intitolerà “museo della follia”. Tornando a “i tesori nascosti”,  la mostra non ha ulteriore bisogno di presentazione per ribadire la sua importanza, l’importanza dell’arte a Napoli, città di fermenti creativi e civili.

“Storie di giocattoli: dal ‘700 a Barbie” a Napoli fino al 19 marzo: pezzi esposti

Sono Daniela Merola, giornalista, blogger, scrittrice e presentatrice eventi culturali, sono ufficio stampa di librincircolo.it e ricominciodailibri.it, sono socia della libreria iocisto. Sono appassionata di spettacolo, teatro e editoria, amo il calcio e il tennis. La comunicazione è la mia forza, mi piace mettermi alla prova con le presentazioni e la recitazione.