NoiPa Cedolini: Caricato lo stipendio di luglio

I docenti e gli assistenti amministrativi cercando il cedolino del proprio stipendio su NoiPa avevano avuto un po’ di paura. Il caricamento di luglio infatti è avvenuto con qualche giorno di ritardo e questo aveva destato qualche preoccupazione tra i docenti abituati a consultare l’importo dello stipendio mensile già intorno al 12 -13 del mese. Il cedolino di luglio è stato invece caricato su NoiPa intorno al 15-16 luglio.

Il cedolino di luglio è stato molto atteso dai docenti delle scuole italiane non solo per “la curiosità” di conoscere lo stipendio che gli sarà versato a fine mese ma anche perché è il mese del debito/credito legato al 730.

Grande attenzione per il cedolino di luglio è stata posta anche dai docenti supplenti per cui è stata disposta per il giorno 15 una particolare emissione che sarà accreditata nei giorni successivi.

Purtroppo pero’ sia i docenti sia gli assistenti amministrativi che hanno effettuato l’accesso a NoiPa per consultare il cedolino di luglio hanno dovuto riscontrare anche numerosi malfunzionamenti della piattaforma che ha funzionato a singhiozzo o con grandi rallentamenti.

NOIPA CEDOLINO, COME CONSULTARE IL PROPRIO STIPENDIO SULLA PIATTAFORMA?

Tutti coloro che vogliono consultare il proprio cedolino sulla piattaforma NoiPa devono accedere all’area riservata del portale mediante l’inserimento del proprio codice fiscale e della password in proprio possesso.

Nel caso in cui si possiede la Carta Nazionale dei Servizi, dopo aver cliccato sulla voce Accedi all’area riservata, l’utente dovrà selezionare il link Accedi con la CNS. Naturalmente in questo caso il docente o l’assistente amministrativo deve essere in possesso di una Smart Card.

Una volta effettuato l’accesso all’area riservata di NoiPa, per poter consultare il cedolino con il proprio stipendio l’utente dovrà cliccare sull’apposita sezione Documenti Disponibili dove si potrà poi selezionare la voce Cedolino per accedere a tutte le informazioni in esso contenute e conoscere l’importo del proprio stipendio che sarà accreditato a fine mese.