Non ti scordar di me: la Mostra sull’Alzheimer a Milano

A Milano, fino ad aprile 2018, sarà possibile visitare la mostra "Non ti scordar di me" sull'Alzheimer. Tutti i dettagli sull'evento

La mostra sull’AlzheimerNon ti scordar di me” è ubicata a Milano in via Settembrini 7 ed è fruibile dal 23 maggio fino a fine aprile 2018. L’evento è promosso dall’Associazione Boscovich Arte e Salute, in collaborazione con lo Studio Medico Boscovich, l’onlus Paloma 2000 e Sferruzz@amente ed è curata dallo stesso direttore artistico dell’Associazione, Caterina Corni; 80 sono le opere di vario genere esposte.

È il terzo anno che viene proposta una mostra dal forte sapore sociale, dopo quella con opere di pazienti psichiatrici e quella con i detenuti del carcere San Vittore. Quest’anno i protagonisti sono gli ospiti del Centro Diurno “I Delfini” a Milano e i fruitori del Knit Cafè Sferruzz@mente con i loro lavori a maglia.

Mostra “Non ti scordar di me” sull’Alzheimer: le finalità dell’evento

Interessante è la triplice finalità di una proposta come questa. In primis quella di dare un senso nuovo a persone che si trovano in una situazione di “rottura” con la realtà e coi i loro stessi percorsi di comprensione di questa. Dunque l’importanza dell’impiegare il loro tempo, che è divenuto qualcosa di altro dal nostro, è sfumato e dai contorni indecisi come i loro tratti e i loro passi. Questa mostra e i loro lavori danno loro un’ancora con la quale aggrapparsi ad uno spazio ed un tempo definito, preciso e quantificabile. Uno spazio dove ritrovare un luogo sicuro e accogliente che non chiede di ricordarsi di lui.

La seconda finalità è quella di “portare” questo spezzato di vita differente agli occhi di chi guarda. E che riporti questi anziani “alla luce del sole”. Anziani fragili che vivono in una sorta di mondo “invisibile” dove i significati si sfumano e dove le relazioni naufragano data la loro inadeguatezza davanti ad un mondo che cambia velocemente i propri paradigmi. Questa mostra cerca di dare voce ai bisogni e ai desideri di questi malati che se no rimarrebbero nascosti nelle loro menti stanche. Un modo, insomma, per restituire giusta dignità a queste persone e per configurare un nuovo senso esistenziale che non snaturi la loro identità e che magari aggiunga elementi differenti a questa “narrazione” di sé.

Per ultimo questa mostra può essere un viaggio anche dentro noi stessi. Attraverso questi lavori si ritrovano le nostre stesse fragilità, il senso di solitudine che tutti, a volte, proviamo e che è allo stesso momento causa e conseguenza di questa malattia. Davanti a queste opere si percepisce l’ineluttabile destino che può o non può colpire tutti. Questa mostra diviene allora una possibilità di vedere le fragilità di questi anziani e di poter esorcizzare le nostre. Loro sono il presente ma noi rappresentiamo il futuro in questo giochi di specchi.

Mostra Non ti scordar di me: Angela Finocchiaro madrina

Come madrina della mostra sull’Alzheimer è stata scelta l’attrice Angela Finocchiaro, sempre attenta ai temi sociali e che vuole “risvegliare nella coscienza collettiva la consapevolezza che gli anziani sono una risorsa attiva del tessuto sociale” e che ritiene, come spiega lei stessa, “importante renderli partecipi della comunità, aiutandoli clinicamente se necessario, ma soprattutto coinvolgendoli e stimolandoli con attività ricreative”.

I dati parlano, infatti in Italia più di un milione di persone soffrono di demenza e, in tutto il mondo, più di 44 milioni di persone ne soffrono e questo ci fa comprendere come la malattia sia una crisi sanitaria globale. Importante è non sentirsi soli e fare riferimento ai centri più vicini. Questa mostra diviene allora un punto di partenza e non sicuramente di arrivo per riflettere sulla malattia, sui tempi moderni e sul futuro. I visitatori potranno visitare l’esposizione negli spazi milanesi di via Settembrini 7, dal 23 maggio fino ad aprile 2018 presso la sede milanese dall’Associazione Boscovich.