Attualità

Nutri-Score calcolo: cos’è e come si calcola?

Il Nutri-Score è un sistema per valutare la qualità dei prodotti alimentari. Ecco come funziona e come si calcola.

Il termine Nutri-Score sta per entrare nel dibattito politico con nuove polemiche. Ma che cosa rappresenta realmente sistema di etichettatura e come viene poi calcolato.

Ieri sera, nel corso della sua ospitata a Porta a Porta, Matteo Salvini ha lanciato un’altra bomba nel dibattito pubblico italiano parlando della possibilità dell’estensione a tutta l’Unione Europea del Nutri-Score, un sistema di etichettatura già utilizzata in alcuni Paesi utile a valutare la qualità nutritiva dei cibi. Il tema è già divenuto di tendenza in rete e, pertanto, andiamo insieme a scoprire qualcosa in più su questo Nutri-Score e sul come viene calcolato.

Cos’è il Nutri-Score?

Come detto, il Nutri-Score può essere banalmente definito come un sistema di etichettatura per i cibi che valuta le loro proprietà nutritive. Questo sistema prevede l’utilizzo di due scale correlate per valutare la qualità dei prodotti: una che utilizza cinque gradazioni cromatiche dal verde al rosso e un’altra invece che prevede cinque categorie classificate con le lettere dalla A alla E. Il Nutri-Score è stato ideato da un gruppo di ricercatori francesi e adesso è diffuso anche in altri Paesi europei che però lo applicano solamente per una cerchia molto ristretta di marchi che sui propri prodotti presentano bollini con una lettera immersa in un colore come nella foto all’inizio di questo articolo. Qualcuno

Calcolo Nutri-Score

L’inserimento di un prodotto in una categoria piuttosto che in un’altra dipende dall’assegnazione di un punteggio che è calcolato in base alla quantità di ”ingredienti buoni” (fibre, proteine ecc.) e ”ingredienti cattivi” (grassi saturi, zuccheri ecc.) che il prodotto stesso contiene. Insomma il calcolo di questo Nutri-Score, secondo chi lo ha ideato, deve servire a quantificare le potenzialità nutritive di un prodotto premiando i cibi contenenti ingredienti considerati più sani e penalizzando quelli che invece contengono ingredienti considerati sconsigliabili. Il tallone di Achille di questo sistema per i detrattori è il fatto di non tenere in considerazione le quantità di determinati ingredienti contenuti nel prodotto, condannando così alimenti che in realtà contengono quantità estremamente modiche e, quindi, innocue di grassi o altri elementi non considerabili salutari.

Come si calcola il Nutri-Score

Il Nutri-Score si calcola dando punteggi positivi o negativi in base alla presenza di ingredienti sani o non sani. A penalizzare un prodotto alimentare nel calcolo del Nutri-Score potrebbe essere, per esempio, la presenza di sodio che, in quantità eccessiva, è da considerarsi dannoso. Altri ingredienti non sani, ovviamente, sono considerati quelli portatori di grassi saturi e zucchero mentre frutta, verdura e ingredienti ricchi di fibre e proteine contribuiscono al raggiungimento di un Nutri-Score positivo. La formula dettagliata per il calcolo del Nutri-Score è presente sul sito Santé publique France ma esistono app per smartphone che permettono di conoscere il Nutri-Score dei prodotti per i quali è già previsto o di calcolarlo ex novo inquadrando i dati nutrizionali del cibo al supermercato.

 

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close