Palio di Siena 2016: presentato Drappellone della Madonna di Provenzano

Palio di Siena 2015: vince la Torre la prima gara

In presentazione oggi 27 giugno, a Siena, il Drappellone per il Palio del 2 luglio 2016. Il Drappellone, o Palio,  è un dipinto su stoffa, rettangolare lungo e stretto. E’ il trofeo che si assegna alla contrada vincitrice dello storico Palio di Siena.

Il “Cencio” – questo è il nomignolo che i Senesi danno al Drappelone – di ques’anno è stato realizzato da Tommaso Andreini. Quarantenne, Senese Doc, appartenente alla Torre, per la quale ha già realizzato diverse opere, Andreini  vedrà, oggi, giudicare la sua opera. La giuria non è una giuria qualunque: sono i suoi cittadini, per i quali il Palio di Siena non è sono una manifestazione storica, ma piuttosto una religione. Saranno loro, da toscani che sanno essere generosi o spietati in pari misura, a giudicare se il Cencio di Tommaso Andreini sarà degno oppure no.

Intanto il giovane artista senese racconta la sua opera. Lo stile è surrealista e rappresenta la Madonna di Provenzano, come da tradizione per il Palio del 2 luglio.  Al centro Tommaso Andreini ha raffigurato tre cavalli, altro simbolo indiscusso del Palio, e un cuore rosso sul costato di Cristo.  Per quest’ultima immagine, Andreini si è ricollegato a un messaggio di Papa Francesco, di qualche tempo fa,  quando ha indetto il Giubileo della Misericordia. 

Bruco, Lupa, Drago, Giraffa, Chiocciola, Aquila, Istrice, Tartuca, Oca e Nicchio sono le contrade che il 2 luglio prossimo, in Piazza del Campo, correranno il Palio della Madonna di Provenzano e si contenderanno il Drappellone di Tommaso Andreini.

Ecco il video con l’intervista a Tommaso Andreini

Lelia Paolini è nata a Viareggio. Vive in Versilia con i tre figli, due gatti e un marito. Fra le sue più grandi passioni leggere, scrivere, ridere, viaggiare. Sogni nel cassetto: scrivere il romanzo del secolo e stabilirsi in un cottage in Scozia, vista Oceano.