Primo Maggio, Festa del Lavoro o dei Lavoratori: Significato e Storia

Storia e Significato della festa del lavoro, o dei lavoratori, che si celebra il primo maggio di ogni anno

Il primo maggio si celebra la festa del lavoro, detta anche festa dei lavoratori. Quale è la sua storia e il suo significato? Proprio come lascia intuire il nome della festività, nella giornata di oggi vengono celebrati i lavoratori e in particolare viene ricordata la lotta, vinta, per ottenere una giornata lavorativa di otto ore.

Festa dei Lavoratori: le origini

La festa del primo maggio ha origini internazionali. In tutto il mondo infatti, tra Ottocento e Novecento, i lavoratori intrapresero delle battaglie al fine di far ridurre la propria giornata lavorativa a otto ore. Le proteste operaie ebbero i primi successi negli Stati Uniti: fu nell’Illinois, nel Widest, dove nel 1867 venne approvata la prima legge. Da lì poi l’Associazione Internazionale dei Lavoratori, conosciuta come Prima Internazionale, avanzò la richiesta per la realizzazione di provvedimenti simili anche in Europa.

Perché la Festa del Lavoro si celebra il Primo Maggio?

Le origini della festa del lavoro risalgono al 5 settembre 1882, data in cui a New York venne celebrata dai Knights of Labor la prima manifestazione. Ad esse ne seguirono altre e, nel 1884, i Knights of Labor stabilirono che tale festa avesse cadenza annuale. Perché si celebra il primo maggio? A suggerire questa data furono delle organizzazioni affiliate alla prima internazionale, la scelta poi divenne definitiva a seguito degli incidenti che si registrarono a inizio maggio 1886 a Chicago durante la rivolta di Haymarket davanti la fabbrica McCormick specializzata in macchinari agricoli. Per fermare la rivolta la Polizia sparò sulla folla uccidendo due operai e ferendone altri.

Ne seguì una protesta dei lavoratori nell’Haymarket Square, piazza nella quale veniva ospitato il mercato per la vendita di mezzi e prodotti agricoli: il 4 maggio 1886 a seguito dell’esplosione di una bomba perirono sei poliziotti, oltre 50 rimasero feriti. I colpevoli vennero poi condannati a morte e impiccati l’11 novembre del 1887. Al fine di commemorare quanto avvenuto a Chicago venne quindi proclamata la festa il primo maggio dall’allora presidente Grover Cleveland.

Primo Maggio, la festa dei lavoratori in Italia

Il primo maggio divenne festa dei lavoratori in Europa a seguito della sua proclamazione da parte della Seconda Internazionale nel 1889 a Parigi. La prima festa del lavoro in Italia pare sia stata celebrata ad Andria nel 1913; durante il periodo del fascismo la festa venne anticipata al 21 aprile, giorno del Natale di Roma, e conclusa la seconda guerra mondiale venne riportata al primo maggio. Nel 1955, il 1° maggio, il Papa, Pio XII, istituì, nel giorno della festa del lavoro, quella di San Giuseppe lavoratore affinché tale celebrazione venisse condivisa anche dai cattolici e dalla Chiesa. In occasione di tale festività dal 1990 i sindacati CISL, CGIL e UIL organizzano a Roma, in Piazza San Giovanni, il tradizionale concerto.