San Modestino: Santo del Giorno, 14 Febbraio

San Modestino: Santo del Giorno, 14 Febbraio 1

Nel giorno della Festa degli Innamorati, San Valentino, 14 febbraio, la Chiesa Cattolica venera anche San Modestino Vescovo, patrono di Avellino, martirizzato insieme a San Fiorentino e a San Flaviano nel febbraio del 311.

Modestino nacque in Antiochia, nell’attuale Turchia nel 245 d.C., dove fu nominato Vescovo nel 302. Durante le persecuzioni di Diocleziano, venne incarcerato e condannato a morte insieme a Fiorentino, presbitero,  e Flaviano, diacono. Miracolosamente i tre religiosi cristiani riuscirono a fuggire dalla prigionia e si recarono prima a Locri, in Calabria, dove Modestino venne di nuovo catturato, e infine ad Avellino, dove furono arrestati tutti e tre. Dal carcere uscirono ancora grazie a un miracolo. Questa volta su lo stesso Modestino a compiere il prodigio. Il Governatore di Avellino aveva una figlia gravemente malata: Modestino la guarì completamente e padre e figlia si convertirono al Cristianesimo, liberando, per gratitudine i tre Cristiani perseguitati.

Negli anni che seguirono, Modestino, ancora insieme ai compagni Fiorentino e Flaviano, operò ad Avellino una imponente opera di evangelizzazione. Nel 311, questa loro fervente fede li portò al martirio, avvenuto fra il 14 e il 15 febbraio 311. San Modestino, San Fiorentino e San Flaviano oltre che di Avellino, sono patroni di Locri e di Mercogliano, comune dell’Avellinese, dove si svolse il martirio. Le loro spoglie riposano nella Cattedrale di Avellino, consacrata a Santa Maria Assunta e a San Modestino. 

 

Condividi
Lelia Paolini è nata a Viareggio. Vive in Versilia con i tre figli, due gatti e un marito. Fra le sue più grandi passioni leggere, scrivere, ridere, viaggiare. Sogni nel cassetto: scrivere il romanzo del secolo e stabilirsi in un cottage in Scozia, vista Oceano.