Stefano Rodotà Morto, il giurista aveva 84 anni

Si è spento oggi Stefano Rodotà, giurista, parlamentare ed ex garante della privacy. E' morto all'età di 84 anni

E’ morto il noto giurista e parlamentare Stefano Rodotà. Uno degli intellettuali più influenti e apprezzati degli ultimi 50 anni si è spento oggi al’età di 84 anni. Nato a Cosenza nel 1933, in piena epoca fascista, Rodotà negli anni si è sempre più affermato come giurista e docente anche in importanti università straniere, prima di diventare parlamentare in diverse legislature.

Il ruolo che però ha reso noto il suo nome ai più è quello di garante della privacy: dal 1997 al 2005, nominato dal primo governo Prodi, Rodotà divenne “il signor Riservatezza”, con la media di 80 casi al giorno in una società che andava sempre più cambiando con l’avvento delle nuovissime tecnologie.

La candidatura a Presidente della Repubblica nel 2013

Negli ultimissimi anni era finito di nuovo al centro delle cronache politiche per la candidatura avanzata dal Movimento 5 Stelle nei suoi confronti in qualità di possibile successore di Napolitano come Presidente della Repubblica. Dopo diverse polemiche e alcune votazioni andate male, Rodotà ha rinunciato alla candidatura e Napolitano è stato rieletto salvo poi dimettersi una volta completate le riforme più urgenti. Rodotà, uomo di cultura e pionere dei diritti sociali e individuali, perchè, come diceva lui, “è da quelli che si misura la qualità di una società”, tra i suoi temi prediligeva anche quello della laicità dello stato.