Tecnologia: lo smartphone diventa un rilevatore di noia

Dalla Spagna arriva una scoperta curiosa e inquietante che riguarda gli smartphone. I ricercatori della compagnia spagnola Telefonica hanno rivelato la creazione di una nuova app in grado di rilevare la noia dell’utente che utilizza un cellulare di nuova generazione. Il progetto verrà presentato in Giappone al congresso UbiComp dimostrando che l’algoritmo ha un efficacia del 83%. Per lo studio i ricercatori hanno dapprima individuato le peculiarità della noia usando una app per Android in cui si chiedeva agli utenti diverse volte al giorno di valutare il loro livello di noia per un breve periodo di 15 giorni.

Le risposte sono state poi valutate e incrociate con altri dati ricavati dallo smartphone, come l’intensità d’uso o il numero di app aperte, numeri che normalmente salgono quando le persone diventano più annoiate. Per dare senso all’algoritmo i ricercatori hanno ideato una nuova app che una volta individuato un operatore annoiato inviava un alert proponendogli  se voleva leggere un determinato articolo. Gli utenti con alto tasso di noia hanno aperto l’articolo con più frequenza rispetto a quelli a cui veniva inviato casualmente. La scoperta non si ferma qui e i ricercatori commentano: “Il prossimo passo sarà capire quali contenuti preferiscono ricevere le persone annoiate, e se ad esempio sono interessati ad attività di apprendimento, ad esempio di una lingua”.

Laureanda in Letterature Moderne Comparate per il Corso di Laurea in Filologia Moderna, ho diversi anni di esperienza presso testate giornalistiche online, blog culturali e magazine. Mi occupo di serie tv, cinema, letteratura e credo che la cultura l'unica strada che ci può rendere migliori. Ho scelto la scrittura come forma d'arte per cambiare il mondo