Assegnazioni Provvisorie 2016-2017, è caos. Pacifico (ANIEF): “E’ un incubo”

Assegnazioni Provvisorie 2016-2017, è caos. Pacifico (ANIEF):

Disorganizzazione totale ad anno scolastico iniziato. Questo, più o meno, il riassunto della triste vicenda delle assegnazioni provvisorie in numerose città e, a rimetterci, non sono solo gli insegnanti ma anche (e soprattutto) gli alunni, incolpevoli vittime del caos che invade la burocrazia del mondo della scuola (per non parlare del caso dei TFA e PAS in GAE o dei problemi per il concorso a cattedra in Campania).

Se nel pentolone finiscono ciò che l’ANIEF definisce un “algoritmo impazzito”, gli errori nelle assegnazioni e i trasferimenti degli insegnanti su sedi sbagliate … la frittata è presto fatta. Le conseguenze dell’avvio di questo anno scolastico sono ormai sotto gli occhi di tutti. Marcello Pacifico (di ANIEFCisal) non lesina critiche: “Quella che doveva essere la Buona Scuola e la fine della supplentite, si è trasformato per tanti in un incubo senza fine, con sequele di errori organizzativi e di assegnazione. L’apice di questo disastro è rappresentato dal caso della maestra palermitana, affetta da sclerosi multipla e invalida al 100% che, malgrado il proprio diritto a godere dei benefici della legge 104, è stata ”spedita” prima a Bologna e poi a Roma.”

Le assegnazioni provvisorie in netto ritardo, i trasferimenti sbagliati con gli insegnanti che, da un giorno all’altro, si vedono trasferiti in giro per l’Italia nonostante, per esempio, i diritti sanciti dalla Legge 104 (e le pagine di cronaca sono piene di casi del genere) rappresentano una delle sconfitte più cocenti di chi ha deciso di intraprendere la strada della “Buona Scuola”.

Per le assegnazioni provvisorie, dunque, toccherà ancora attendere. Per Cagliari e Genova il calvario è appena iniziato; a Roma hanno appena preso il via le assegnazioni per la secondaria.

Leggi anche: