Attacchi di panico: Cosa fa paura a chi ne soffre

Attacchi di panico: Cosa fa paura a chi ne soffre

Gli attacchi di panico colpiscono più persone di quanto si immagina. Questi nascono nel momento in cui si sente una forte paura per qualcosa, ma effettivamente in quali luoghi e per quali motivi scatta un attacco di panico? I sintomi che scattano nel momento in cui sentiamo una forte paura addosso, una tensione che ci paralizza sono tachicardie improvvise, tremori, vertigini, nausea, palpitazione e sudorazione fredda, a dimostrazione che non c’è nulla su cui scherzare. Molte persone, in diverse occasioni, evitano proprio di mettere a punto determinati comportamenti, andiamo a vedere quali.

  • Eccoci in ascensore, o meglio, non ci siamo in ascensore, visto che da qui nascono moltissimi attacchi di panico, visto che il pensiero comune è uno solo, ovvero: “e se si bloccasse?”. Meglio prendere decisamente le scale, fa bene alla mente e al fisico.
  • Altro pensiero comune è quello che nasce nel momento in cui si va a letto. Mentre ci si addormenta scatta il pensiero negativo, ovvero: “e se faccio un incubo?” A questo punto ecco che scatta l’attacco di panico che ci porta ad andare a letto il più tardi possibile e questo non va assolutamente bene.
  • Altro attacco di panico scatta anche quando c’è la necessità di fare degli esami all’ospedale, magari quelli del sangue. E se ci trovassimo di fronte a delle analisi sbagliate, o magari veritiere e che ci fanno capire che non stiamo bene fisicamente? Un grande problema per chi soffre di attacchi di panico, i quali cominceranno a sudare freddo anche se un valore è leggermente superiore rispetto alla norma.

Sono davvero diverse le motivazioni che ci portano ad avere un attacco di panico, ecco perché oggi esistono diverse terapie da affrontare per cercare di limitare le tensioni ed avere sempre meno attacchi di panico nel corso della vita.