Brexit, Il Sole 24 Ore: Cosa succederà? Le conseguenze per studenti e lavoratori

Italiani a Londra dopo Brexit: Ecco cosa cambia

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DEL BREXIT PER GLI STUDENTI ED I LAVORATORI? ECCO LO SCENARIO SPIEGATO DA IL SOLE 24 ORE

Brexit: La Gran Bretagna uscirà dall’Uscirà dall’Unione Europea così come deciso dal referendum con cui sono stati chiamati al voto 46,5 milioni di cittadini. Alla fine dei conteggi è prevalso il «Leave» sul «Remain» per pochi punti percentuali: 51,9% contro 48,1%. Ma quali saranno le conseguenze per studenti, lavorati e per le aziende italiane e europee? Il noto quotidiano economico Il Sole 24 Ore ha cercato di anticipare gli scenari futuri.

L’USCITA DELLA GRAN BRETAGNA DALL’UNIONE EUROPEA NON E’ IMMEDIATA

Innanzitutto è bene premettere che l’abbandono della Gran Bretagna dall’Unione Europea non è immediato, ma il “Leave” dovrà prima essere notificato al Consiglio europeo e poi inizierà l’iter di recesso che durerà almeno due anni. Da quel momento poi la Gran Bretagna diventerà un Paese extracomunitario e dovrà ridefinire i propri rapporti economici, politi e commerciali con la stessa.

BREXIT, IL SOLE 24 ORE: ECCO LE CONSEGUENZE PER STUDENTI, LAVORATORI E TURISTI

Secondo Il Sole 24 Ore l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea avrà notevoli conseguenze soprattutto per lavoratori, studenti, turisti e imprese. Gli studenti universitari europei infatti, tra cui gli italiani, verranno equiparati a quelli extra europei con conseguente aumento della retta che potrebbe anche passare da 9.ooo a ben 36.ooo sterline oltre a perdere qualsiasi tipo di assistenza sanitaria gratuita. Molto difficoltoso sarà anche poter effettuare stage post laurea in Gran Bretagna.

Per chi ha già un lavoro nel Regno Unito le conseguenze non sono notevoli dato che conserverà i diritti finora acquisiti grazie alla Convenzione di Vienna del 1969 ma dovranno comunque avere un visto da rinnovare ogni 3 o 5 anni. Molti più problemi invece li avranno coloro che ancora non hanno un lavoro e sono intenzionati e cercarsene uno in Gran Bretagna. Potranno partire solamente una volta che già sono in possesso di un contratto di lavoro con il datore di lavoro pronto a certificare per loro il visto di lavoro.

Gli italiani che vogliono andare in vacanza come turisti a Londra continueranno a farlo senza la necessità di un visto ma i prezzi dei voli aerei potrebbero aumentare dato che molte compagnie hanno proposto voli a basso costo solo per l’Europa e le stesse tariffe telefoniche potrebbero essere più alte una volta sbarcati nel Regno Unito.

BREXIT, IL SOLE 24 ORE: LE CONSEGUENZE PER LE IMPRESE

Per le imprese la fuoriuscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea avrà numerose conseguenze non piacevoli, con l’obbligo di dover pagare nuovi dazi ed effettuare nuove certificazioni obbligatorie. Molte multinazionali come Honda o Toyota stanno già valutando la possibilità di lasciare il Regno Unito o almeno di diminuire i loro investimenti lì.

Leggi anche: