Gemma Amendolia, fuori dal Coma dopo l’Incidente alla Targa Florio

Gemma Amendolia, rimasta gravemente ferita nell'incidente avvenuto alla Targa Florio, è uscita dal coma

Dopo dieci giorni, ieri Gemma Amendolia si è svegliata dal coma. La giovane ventisettenne era entrata in coma dopo un grave incidente durante le prove della Targa Florio, avvenuto lo scorso 21 aprile, nel catanese. Nell’incidente il padre, il pilota messinese Mauro Amendolia di 53 anni, è rimasto ucciso e anche il commissario di gara, Giuseppe Laganà, 56 anni, di Lentini.

Gemma Amendolia, prime parole dopo l’uscita dal coma

La giovane, le cui condizioni di salute erano apparse molto gravi sin da subito, era stata trasportata venerdì scorso all’ospedale Civico di Palermo in elisoccorso. Per la famiglia è stato un primo maggio di festa presso il reparto di rianimazione del Civico, dove Gemma ha pronunciato le prime parole dal suo letto di ospedale, ha mangiato un gelato al cioccolato e un omogeneizzato. Momenti normali che hanno un valore inestimabile di fronte alla tragedia che ha colpito Gemma e la sua famiglia.

Gemma Amendolia uscita dal coma: le condizioni di salute

La ragazza ha riportato un forte trauma cranico, un vasto edema polmonare e si è fratturata un braccio, ma migliora ogni giorno di più, nonostante il quadro clinico sia serio. Le sue prime parole sono state rivolte alla mamma e alla sorella per capire cosa le è successo. I familiari, la madre e la sorella, infatti le hanno raccontato solo dell’incidente alla Targa Florio, ma ancora Gemma non sa della morte del padre.