Napoli: Ragazzo torturato con scariche elettriche, arrestato il padre

Napoli: Ragazzo torturato con scariche elettriche, arrestato il padre

Da brividi la tragedia maturata a Giugliano, in provincia di Napoli. Un ragazzo di 12 anni subiva da anni le angherie del padre, capace di lasciare fuori di casa il figlio a torso nudo, per poi lanciargli addosso secchiate di acqua gelata o “più semplicemente” torturarlo con scosse elettriche.

Il 47enne algerino è stato immediatamente individuato e arrestato dai carabinieri della provincia di Napoli: secondo quanto raccolto dagli inquirenti, anche la moglie subiva da tempo violenze e percosse del marito, convinto di imporre la propria autorità in questo modo becero, con tutti i membri della famiglia.

Poche settimane fa, la donna era scappata con i figli in Molise, per allontanarsi dall’uomo e denunciare i suoi atti violenti alle forze dell’ordine, che hanno informato nel più breve tempo possibile la Procura di Napoli Nord, al fine di avviare le indagini del caso. Al momento, il magrebino si trova in carcere e rischia una pena che va dagli 8 ai 12 anni di reclusione, mentre la moglie e i minori sono stati accolti da una struttura protetta e sono sotto l’attenta osservazione degli assistenti sociali.