Nocera Umbra, Incendio in casa: 2 feriti, la donna accusa il compagno

Cronaca, a Nocera Umbra un incendio fa due feriti. La donna accusa il compagno ... è giallo.

Morto sul Lavoro oggi a Praiano: bulgaro muore dissanguato

Un incendio che ha bruciato l’intera casa. E’ scoppiato stamattina a Nocera Umbra e ora la donna, in gravi condizioni, accusa l’uomo di aver dato fuoco all’abitazione. “E’ stato lui”. È quello che la donna di quarant’anni, originaria di Nocera Umbra, ha detto ai soccorritori non appena arrivati a salvarla durante la notte del 31 gennaio. La donna è stata coinvolta nell’incendio casalingo avvenuto qualche giorno fa assieme ad un 25enne albanese. Ancora poco chiare sia le cause che le responsabilità dell’incendio.

I due, che in passato hanno avuto una relazione sentimentale, erano in casa al momento del rogo e l’ipotesi al vaglio degli inquirenti prendono in considerazione il ragazzo. Sembra, infatti che il 25enne abbia cosparso la casa di benzina. Ma ancora poco chiaro con che cosa abbia innescato l’incendio.

La 40enne ricoverata a Genova; il 25enne in ospedale in condizioni non gravi
Oltre ai sospetti del personale dell’Arma e della dichiarazione della donna, anche alcune dichiarazioni da parte di testimoni stanno contribuendo. I due, infatti, sono stati visti da alcuni vicini con i vestiti in fiamme sul terrazzo dell’abitazione dalla quale sono riusciti a scendere. Difatti, anche il ragazzo, coinvolto anche lui nell’incidente, rimane ora ricoverato in ospedale in condizioni non gravi.

La donna è stata trasferita all’ospedale di Genova, in un centro specializzato ed in gravi condizioni: la 40enne, infatti, ha riportato diverse ustioni su gran parte del corpo. Nel frattempo gli investigatori della compagnia di Gubbio, quelli del comando provinciale e il personale dell’Arma specializzato nelle analisi scientifiche esaminano gli elementi raccolti sul posto.

Ho 26 anni, studio all'Università e scrivere è la mia passione più grande. "Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore". (Indro Montanelli)